cibo-pugliese-migliori-mondo

Coldiretti Puglia, in collaborazione con Istituto Pugliese per il Consumo e Campagna Amica, ha recentemente condotto uno studio sulle abitudini alimentari delle famiglie pugliesi. E’ stato dunque selezionato un campione di famiglie alle quali è stato chiesto di annotare giorno per giorno non solo i consumi, ma anche gli sprechi, ovvero tutto il cibo che, per un motivo o per l’altro, viene giornalmente gettato nell’immondizia. 

L’esito è stato a dir poco allarmante: in una regione nota e rinomata in tutto il mondo per l’irresistibile cibo, è proprio il cibo a farne le spese, finendo spesso e volentieri nella spazzatura. Cibo cotto avanzato, cibo scaduto, ma anche pane avanzato, finiscono quotidianamente nel bidone della spazzatura, senza alcuna pietà. E i numeri non sono affatto irrilevanti: si stima che ogni pugliese getti nella spazzatura 76 kg di cibo all’anno! Una enormità!

Alla luce di quanto detto sopra, ci sembra che sia ora di ripensare il nostro rapporto con il cibo. Ti diamo allora alcuni consigli onde ottimizzare il tuo rapporto con il cibo e – perchè no – risparmiare:

  • acquistare solo cibo a km 0 o comunque italiano: acquistare solo cibo a km 0 è una scelta che fa bene a tutto, alla salute, al portafoglio, all’ambiente e, non ultimo, consente di non sprecare. Scendi sottocasa e acquista la verdura dal contadino locale. Non acquistarne più di mezzo kg per volta, massimo 1kg: in questo modo mangerai solo verdura fresca e la tua famiglia non si stuferà di mangiare sempre la stessa cosa per più giorni consecutivi! COMPRA PUGLIESE!!!!
  • programmare un menu e rispettarlo: fatti un programma ogni due o tre giorni. Trova il modo di impiegare gli ingredienti che hai già, e acquista solo cibi necessari a completarlo. Hai delle uova? Pensa ad una frittata, una carbonara, un dolce. Eccetera.
  • rielaborare gli avanzi in modo intelligente e sfizioso: non gettare gli avanzi d’impulso! Se hai cotto troppa pasta, tienine da parte un poca scondita, e usala per un bel timballo l’indomani. Idem per il riso: fanne degli arancini! Trasforma il tuo pane vecchio in pangrattato, o usalo per fare delle polpette!
  • tenere in ordine il frigorifero: riordina ogni giorno il tuo frigorifero, fai il quadro di cosa c’è e di cosa ti manca, porta avanti i cibi più vecchi o quelli in scadenza, come gli yogurt, controlla cosa c’è di aperto e cosa va consumato in giornata. Parti da lì per realizzare il tuo menu del giorno.