angurie

Ottima annata per la raccolta delle angurie in Salento

A quanto pare, l’estate 2017 consentirà di avere un ottimo raccolto di angurie salentine: a confermare questa strepitosa notizia è stato il presidente di Coldiretti di Lecce, Pantaleo Piccinno, anche se non si tratta comunque di un’elevata quantità di prodotti. Ad ogni modo, la loro qualità sarà senz’altro eccelsa e ciò è senz’altro imputabile al clima!

La terra destinata a questa produzione è di 1500 ettari circa e, quest’anno, si potranno ottenere 900 mila quintali di angurie, per un ammontare in denaro di 25 milioni di euro di fatturato. Insomma, grazie alle condizioni climatiche in questi prossimi giorni si potrà iniziare ad effettuare una proficua raccolta di cocomeri nei comuni di Nardò, Copertino, Galatone e Parabita. La raccolta sarà effettuata a partire dal mese di giugno e si protrarrà sino al mese di agosto.

Le angurie che verranno raccolte non saranno tutte della varietà tradizionale che conosciamo: infatti, dei 1500 ettari utilizzati per la produzione di questo frutto estivo, ben 200 ettari sono sfruttati per ottenere le cosiddette baby-angurie che, al momento, sembrano essere molto apprezzate nei mercati del nord Europa e, in particolare, in Germani, Francia ed Inghilterra.

Le caratteristiche di un’ottima anguria salentina

Se desiderate assaporare tutta la bontà di un’anguria, dovrete tenere a mente alcune caratteristiche fondamentali: la prima cosa da guardare è proprio la buccia, che dovrà essere di colore verde striato, consistente e robusta per il trasporto. La sua forma è allungata ed ovale ed il peso si aggira intorno ai 10 chilogrammi: la varietà in questione prende il nome di Dumara ed è proprio quella che è stata coltivata nel Salento.

Naturalmente, come potrete ben immaginare, è un frutto prettamente estivo che potrete consumare da sola per rinfrescarvi nei pomeriggi più caldi oppure all’interno di una gustosa macedonia. C’è pure chi preferisce sfruttare l’anguria per la preparazione di confetture, sorbetti, gelati ed altri dolci.

Vi ricordiamo, infine, che è il cocomero contiene vitamina A e C e sali minerali come il potassio!