domenico-modugno-polignano

Una suggestiva cittadina arroccata sul mare Adriatico

Polignano a Mare è una delle cittadine più suggestive e forse anche conosciute della zona di Bari. Essa è ubicata su uno sperone roccioso che, proteso a strapiombo sul mare Adriatico, regala una meravigliosa e suggestiva visuale sia a chi rivolga lo sguardo verso l’orizzonte, sia a chi voglia ammirare la città così romanticamente arroccata su questo suggestivo tratto di costa.

Come già detto, la cittadina è caratterizzata da una costa alta e contraddistinta da tratti frastagliati, dove troviamo diverse insenature naturali – le cosiddette “lame” – tipiche proprio del paesaggio pugliese.  Tra queste ricordiamo la Lama Monachile, un’insenatura posta proprio vicino al centro storico della città e chiamata così poiché in passato abitata dalla foca monaca.  Un’altra “lama” da ricordare è è la Lama Santa Caterina, ma possiamo comunque affermare che non mancano neppure le numerose grotte marine di minore importanza. Chi giunga a Polignano dal mare o abbia occasione di intraprendere una gita in barca in prossimità della costa, avrà sicuramente modo di apprezzare la bellezza incontaminata e del tutto naturale di queste coste, che hanno offerto uno scenario naturale per la nascita di questa cittadina così suggestiva che, di sera, sembra quasi un presepio.

polignano

Qualche cenno storico

La storia di Polignano a Mare affonda le sue radici nel Neolitico, come testimoniato da numerosi reperti rinvenuti in zona. Anche la presenza romana è stata particolarmente impattante sul territorio, come testimoniato da importanti ritrovamenti e monumenti come ad esempio il ponte della Via Traiana, che passa proprio sopra la Lama Monachile. La Via Traiana congiungeva Roma a Brindisi ed attraversava proprio Polignano. Va da sè che già in quell’epoca Polignano era un importante centro di affari, dove mercanti di ogni genere e uomini d’affari avevano modo di incontrarsi. Successivamente, in epoca Aragonese, questo fervore commerciale non venne meno anzi, si sviluppò ulteriormente, sotto l’impulso dei veneziani. Nonostante ciò, non possiamo annoverare Polignano tra gli importanti porti commerciali rinascimentali, perchè effettivamente la città non è mai riuscita a dotarsi – forse per via della sua posizione a strapiombo sul mare – di un efficiente porto. Ecco perchè possiamo dire che, in passato così come oggi, Polignano abbia avuto ed abbia una vocazione per lo più agricola e dedita ai commerci con l’entroterra. A questa vocazione prevalentemente agricola si è venuta a sommare, oggi una seconda risorsa, quella turistica. Non mancano infatti, durante il corso di tutto l’anno, i turisti, che giungono da ogni dove per apprezzarne tutta la suggestione.

Polignano: turismo, cultura e personaggi illustri

Come accennato poco sopra, Polignano è meta continua di turisti qui giunti non solo per godere di una vacanza al mare, ma anche per vedere la famosa città che ha dato i natali a Domenico Modugno, l’indimenticato interprete della canzone Nel blu dipinto di blu. Polignano deve molto a Domenico Modugno, del quale potete anche ammirare una statua situata proprio sul lungomare, a ridosso del suo splendido blu. Ma dovete sapere che il rapporto tra Polignano e Modugno non è sempre stato idilliaco: il cantante trascorse gran parte della sua carriera dichiarando di essere siciliano e negando al grande pubblico le sue origini. Pensava infatti che l’essere siciliano potesse accrescere l’interesse dei suoi fan: solo nel 1993, un anno prima della sua morte, in occasione di un concerto tenutosi nella sua città natale, egli si riconciliò con i suoi concittadini, dichiarando pubblicamente di essere originario di Polignano a Mare.

polignano-statua

Ma Polignano non deve la sua fama solamente a Domenico Modugno: lunga è la lista di autori, registi e scrittori che ogni anno giungono davvero da tutto il mondo (persino dal Giappone) per ambientare le loro storie in questo suggestivo “presepe sul mare”. Alcune puntate della nota telenovela Beautiful sono girate proprio qui, così come alcune scene sono state girate da Checco Zalone (anch’egli pugliese) per il suo film Cado Dalle Nubi. E ancora, Luca Bianchini ha ambientato il suo libro Io che amo solo te (con relativo sequel) proprio tra le viuzze spazzate dal maestrale di Polignano. Gli esempi sono davvero tanti, e per questo, quando passeggerete per le vie di questa splendida cittadina, non vi resterà che chiudere gli occhi ed immedesimarvi nel vostro film, fiction o romanzo preferito.

 

Cosa vedere a Polignano e dintorni

Lasciate da parte le suggestioni culturali, è ora di dedicarci a qualche visita di monumenti storici. Per quanto riguarda le chiese ed i monumenti da visitare, ricordiamo la Chiesa Matrice, situata proprio in centro (piazza Vittorio Emanuele) e realizzata in onore di Santa Maria Assunta. Al suo interno è possibile ammirare le opere dello scultore rinascimentale Stefano da Putignano e l’opera di Bartolomeo Vivari il “Polittico della Madonna con bambino e Santi”, risalente invece al XIV secolo.Un altro monumento d’interesse è  l’Abbazia dei Benedettini, situata in frazione San Vito ed affacciata, come il resto della città, proprio sul mare. Infine, se vi trovate per le vie di Polignano a Mare e siete amanti dell’arte moderna, non fatevi sfuggire una bella visita presso il Museo Pino Pascali, collocato in un mattatoio oramai dismesso risalente al XIX secolo. Anch’esso si affaccia sul mare e vi consente di abbinare un pò di cultura ad una boccata di iodio.

Tante Polignano in una

Come avete avuto modo di comprendere da queste poche righe insomma, Polignano è tante città in una: è mare, è buon cibo (non solo pesce, ma anche tanta ottima verdura locale), è cultura e suggestione, è romanticismo, è storia. Non vi resta che venire a vederla di persona!

Leave a Reply

Your email address will not be published.