La città di Brindisi è la più ricca tra le province pugliesi. E’ quanto emerge da una indagine pubblicata da il Sole 24ore che analizza i comuni italiani dall’ottica del fisco. analizzando il trend dei redditi degli abitanti emerge una particolare classifica che vede al primo posto Aosta, seguita da Milano. Brindisi è al 71esimo posto, con un reddito medio per contribuente, di 10.962 euro all’anno. I dati sono riferiti al reddito medio per contribuente nel 2007, in base alla variazione rispetto al ’99 che, per quanto riguarda Brindisi si attesta al meno 2,8%. Dato anche di particolare rilevanza, quello riguardante Bari, che secondo la classifica in questione, risulterebbe, al 76esimo posto, la provincia più povera tra quelle delle grandi città del mezzogiorno, pur se, nel solo capoluogo, con un reddito medio per contribuente pari a 17.544 euro, risultando quindi la più ricca della sua provincia.

Ciò che appare comunque chiaro, è il preoccupante arretramento di tutto il sud Italia, rispetto al resto del paese, che ha visto in ben nove anni, crescere il reddito del contribuente medio, di appena il 2 per cento. La classifica infatti è chiara, nella colonna delle province in positivo, mancano del tutto i territori del Mezzogiorno. A Brindisi quindi va il podio, per la percentuale minore in negativo, ovvero, in Puglia, i brindisini hanno perso in nove anni solo il 2,8% del proprio reddito. Magra consolazione se si guarda ai piani alti della classifica certo, ma anche una posizione confortante rispetto alle altre realtà non solo della Puglia ma anche per esempio della Calabria, che dagli ultimi posti in classifica, ha visto una perdita di oltre il 14% del reddito medio pro capite. Insomma, credevamo di essere la cenerentola d’Italia e invece c’è chi sta peggio di noi. Dall’alto del 71esimo posto, Brindisi quindi è risultata la prima della classe, superando Bari, al 76esimo posto, Taranto all’84°, Foggia al 91° e infine Lecce al 93°.