lecce

Nell’anno del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, in tutto il Bel Paese questa settimana si celebra l’evento con numerose iniziative e manifestazioni dedicate, ed in Puglia, la città di Lecce si fa portavoce principale. Le cariche istituzionali che hanno voluto a Lecce questa serie di iniziative  -dall’assessore della Provincia di Lecce e organizzatore del programma Pierluigi Pando al sindaco di Lecce Paolo Perrone – intendono diffondere un messaggio di coesione culturale e sociale, in cui l’appartenenza ad un territorio, ma soprattutto ad un modo di sentire e vivere comune legato agli eventi storici del passato, ma anche a quelli del presente, non deve essere dimenticato. A tal proposito Paolo Perrone ripropone in piccolo alla sua gente l’invito lanciato dal presidente della Repubblica Napolitano ad esporre da ogni balconi la bandiera italiana, per sentirsi ancora più coinvolti nei festeggiamenti proposti dalla città di Lecce, che cominciano proprio oggi 14 marzo con una marcia istituzionale, la “Marcia tricolore per la festa dell’Unità d’Italia”, in collaborazione con il Conservatorio “Tito Schipa”. Inoltre, numerose iniziative di carattere culturale accompagneranno la giornata, come le sette rappresentazioni a tema e a titolo gratuito offerte dalla Compagnia “Il Teatro della Busacca” di Taviano, con numerosi riferimenti al periodo pre e post-unitario, tanto da essere presentato la prima volta a Torino nel 1961, proprio in occasione del Centenario dell’Unità d’Italia. Il 16 marzo, invece si terrà la Notte Tricolore, con l’illuminazione di Palazzo Carafa con i tre colori della bandiera italiana, con accesso gratuito e il prolungamento dell’apertura del Castello Carlo V, e l’iniziativa musicale dell’Orchestra Giovanile e del Coro di Voci Bianche del Conservatorio di Musica di Lecce. Iniziative a tema sono previste fino ad aprile, tra cui mostre fotografiche e di materiale dell’epoca, concerti, reading e approfondimenti tematici. Iniziative tutte da non perdere, nella suggestiva cornice della città di Lecce.