paulzone

La galleria d’arte Fabrica Fluxus di Bari ospita in questi giorni la personale di Paul Zone, fotografo insider della scena musicale underground di New York dei primi anni Settanta.
Cresciuto con una passione genuina per la fotografia, Paul Zone durante la sua adolescenza si ritrova trascinato nelle atmosfere surreali della New York underground anni 70’, dove cominciavano a farsi spazio la cultura e la musica punk e glam. Da Patti Smith a Lou Reed, da Alan Vega a Iggy Pop: quaranta scatti che raccontano un epoca,  i volti e le vite di personaggi che incarnano ed hanno incarnato un modo nuovo di concepire l’arte, la cultura e la vita. La selezione degli scatti più significativi, ma anche di quelli meno visti di Paul Zone, rientrano nell’ambito del progetto Underground Zone: dal 14 gennaio Bari infatti dedica un mese alla cultura underground, proponendo in uno spazio temporaneo mostre, incontri, approfondimenti e party a tema, per promuovere la conoscenza della cultura del sottosuolo,  in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari.