Il canto di Santu Lazzaru è una delle tradizioni più in uso nel Salento. E’ un canto di Passione ancora in uso e tramandato. Consiste in una cantilena ripetitiva che gruppi di persone accompagnati da fisarmoniche o organetto intonavano in giro di notte.

Le origini di questa usanza bisogna cercarla nelle feste rituali primaverili di epoca romana e preromana, il canto alterna versi sulle ultime ore di Cristo, con altri che incitano gli ascoltatori ad essere generosi nei confronti dei musicanti.

Fino ad alcuni decenni fà i musicanti salentini andavano in giro per masserie e piccoli paesi con l’intento di avere in dono alimenti e cibo, come alcune pezze di formaggio, uova e altre pietanze. Se i padroni delle masserie non uscivano o non facevano entrare i musicanti, essi ripetevano il canto molte volte fino a convincerli.

Per il suo carattere tormentoso e assilante i padroni delle case dovevano uscire, perché l’ascolto finisce per stancare chi ascolta. Oggi, migliorato il tenore di vita, l’usanza del “Santu Lazzaru” è nuovamente diffusa nel Salento ed è associata a forme di beneficenza: i doni che i musicanti raccolgono, vengono portati a parrocchie o ad associazioni di volontariato.

Ecco il Testo di Santu Lazzaru

Bbona sera a quista casa e a tutti quanti mò l’abitanti.
Simu vinuti mo’ munti munti, cari patruni mo’ facimu li cunti.

Simu vinuti mo’ macche macche,
‘mu lassate le sole e le scarpe.

E venga Cristu mo’ cu li Santi
ne tescia aiutu e sarvazione.

E osci, osci se fa missione,
ca osci Lazzaru è risuscitatu.

E Diu ve manna na bbona annata
e cu le pecure e cu le capre,

e cu cavaddhi e cu sciumente
e quantu voi desiderate.

E’ arrivata la Santa Pasqua
ne dati l’ove te la puddhrascia,

e se nu ne tati mprima
ne dati quiddhre te la caddhrina.

E Santu Lazzaru osci è Cristu
e sia lodatu mo’ Gesù Cristu.

Sciamu a casa de Simone,
addhrai scìu Cristu per fare la cena,

a na sciuta portara Cristu
a na turnata cu pene e cu guai.

Ppe’ trenta denari canciara Cristu
li sacerdoti e li farisei.

O che doja, o che dolore
ca ippe Marta la Maddalena,

colle sue lacrime, i suoi piedi bagnava,
coi suoi capelli se li sciugava.

O che doja, o che dolore
ca Giuda fose lu traditore,

Giuda fose lu traditore
tradìu Cristu nostru Signore.

Pe’ nu votu de suo fratellu
ca quante pene ippe a soffrire.

Nui pregamu Gesù Bambinu
cu ne tescia mo’ pane e vinu.

Sta vinimu te susu le macchie
imu cunsumatu la sola alle scarpe.

Santu Lazzaru, meu tignusu
ca pe scuffietta, purtavi lu fusu.

Santu Lazzaru mo’ l’imu dittu,
e salutamu Gesù Cristu.