Taralli

Taralli pugliesi: che cosa sono?

Tra i prodotti alimentari della tradizione pugliese non possiamo certamente fare a meno di menzionare proprio i taralli , prodotto da forno che è stato addirittura inserito all’interno della lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani o P.A.T. dallo stesso Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Come potrete ben immaginare, i taralli pugliesi sono perfetti da gustare in tanti modi: ad esempio, si possono portare in tavola in occasione di  un aperitivo, ma anche servire con il pane, giacché sono perfetti da consumare da soli, ma anche insieme a degli affettati. La preparazione di questo prodotto da forno non richiede molti ingredienti: infatti, vi basterà semplicemente realizzare il vostro anello di pasta con farina, acqua o vino, olio e sale. Alcune persone, poi, preferiscono insaporire i taralli pugliesi con peperoncino o semi di finocchio, in base ai propri gusti.

I migliori sono i taralli pugliesi? Per noi si!

In Italia, però, esistono pure tante altre varianti di quella pugliese: spostandoci in Basilicata troviamo il tarallo aviglianese che si presenta con una glassa di zucchero fondente e profumo di anice. In Toscana, invece, vi è un biscotto salato all’anice molto simile al tarallo, ma con una forma ad “8” più grande. Nel complesso, però, possiamo dire che i migliori sono i taralli pugliesi, specie se desiderate servire in tavola una variante del pane.

LEGGI ANCHE  Come si riconosce un olio buono?

Scopriamo come ottenere degli ottimi taralli pugliesi

Se vi piacerebbe sapere come fare i taralli pugliesi in casa, oggi vi diamo alcune dritte per poter preparare questa delizia da soli. Per preparare i taralli pugliesi dovrete dapprima procurarvi degli ingredienti di prima qualità:

  • 500 grammi di farina 00 o 0,
  • 180 milligrammi di vino bianco a piacere,
  • 175 milligrammi di olio extravergine d’oliva (meglio se pugliese),
  • 10 grammi di sale
  • dei semi di finocchio a piacere,
  • peperoncino

 

Aiutandovi con un robot da cucina o lavorando a mano il composto per alcuni secondi dovrete ottenere la vostra palla: mi raccomando fate attenzione a non lavorare troppo l’impasto, altrimenti rischiate di perdere la friabilità.

Dopo aver fatto l’impasto, fatelo riposare per 15-20 minuti in una scodella coperta con pellicola, potrete iniziare a tagliare la pasta in pezzetti e poi ottenere dei piccoli cilindri da arrotolare intorno al dito per ottenere i taralli. Successivamente, passarli in acqua bollente con un po’ di olio evo e non appena vengono a galla, li dovete scolare. Infine, preriscaldate il forno a 160°C a infornate per 35 minuti su un lato e poi altri 35 minuti dall’altro. Ecco fatti così i vostri taralli pugliesi!