olive in salamoia pugliesi - Laterradipuglia.it

Olive in salamoia pugliesi, come si fanno? Ci scrivete in tanti per chiedercelo e dal momento che la stagione è quella buona, vi diamo subito alcune info utili sul tema oltre che il procedimento di preparazione. 

Olive in salamoia pugliesi o olive all’acqua, come si fanno?

Chi ama le olive in salamoia potrebbe pensare di prodursele da solo a casa. L’idea è ottima se avete la fortuna di avere un albero di ulivo, o se trovate qualcuno che vi dia le olive appena raccolte. Ad onor del vero, non è nemmeno troppo complicato, ma ci vuole un po’ di pazienza e di tempo.

LEGGI ANCHE  Olive in salamoia, le domande più frequenti

Come si fanno le olive in salamoia pugliesi

Quali olive si possono usare?

Per preparare le olive in salamoia pugliesi fatte in casa l’ideale sarebbe trovare delle olive piccole, di varietà leccina o cellina. Sono le migliori per realizzare questa ricetta. Nulla vieta di provare anche con altre varietà. Le olive dovranno avere, in partenza, un meraviglioso colore marroncino chiaro. Se sono verdi non è ancora tempo di lavorarle, analogamente se sono marrone scuro forse è un po’ tardi.

Da dove si inizia per la preparazione delle olive all’acqua

La ricetta delle olive in salamoia pugliesi comincia con la raccolta o acquisto delle olive e con la loro pulizia. Potrebbero esserci rametti, impurità o foglioline: assicuratevi di avere solo delle belle olive ben pulite. A questo punto avrete le vostre olive belle pulite e lucide.

Deamarizzare le olive

Dovete poi cominciare a deamarizzare le olive. Un processo che prende il suo tempo, fatevene una ragione. Le olive hanno bisogno di stare immerse in acqua fresca per 40 giorni, cambiando l’acqua una volta al giorno. Solo così la ricetta delle olive in salamoia pugliesi sarà perfetta. Se non siete pratici, non cercate di accorciare i tempi usando metodi antichi come soda caustica o cenere, pazientate e usate della buona acqua fresca.

LEGGI ANCHE  Come si fanno le olive in salamoia (o in acqua)

Preparate la salamoia per le vostre olive in salamoia pugliesi

Terminati i 40 giorni sciacquate bene le olive e preparate la salamoia. Dovete far bollire un litro d’acqua con 100 grammi di sale. Preparate i vasetti ben sterilizzati ed asciutti. La salamoia dovrà essere usata fredda. Se invasate le olive con la salamoia ancora calda, rovinerete tutto. Le olive si sfalderanno e finiranno per diventare molli e immangiabili. Quindi attendete che la salamoia sia fredda e poi invasate le vostre olive! I vasi non avranno bisogno di ulteriori sterilizzazioni.

Attendete un po’ prima di gustarle

Dopo aver preparato le vostre olive in salamoia pugliesi, cercate di resistere un po’ e lasciatele in un luogo buio per qualche settimana ancora. A quel punto potrete gustarle in libertà, come aperitivo oppure in cucina come ingrediente di piatti di pasta, secondi piatti in umido, focacce, pizze e quant’altro!

LEGGI ANCHE  I metodi che i contadini usano per conservare le olive

In alternativa, è possibile comprare le olive in salamoia pugliesi già pronte

La Terra di Puglia produce per voi ottime olive in salamoia già pronte! Se non avete voglia di pazientare 40 giorni, potete acquistarle tranquillamente da noi 🙂

prodotti tipici pugliesi - La Terra di Puglia


author avatar
Ilaria Scremin