Una specialità pugliese DOP: il pane di Altamura

Alzi la mano chi non l’ha mai sentito nominare: stiamo parlando del pane di Altamura, che è una specialità pugliese prodotta a partire da un impasto di semola di grano duro rimacinata, che si contraddistingue per essere particolarmente ricco di glutine – si parla di un concentrazione che può toccare il 14 percento – e che è il frutto di una lievitazione naturale e, infine, di una cottura tradizionale all’interno del forno a legna.

Oggi, per aiutarvi a conoscere meglio questo interessante prodotto tipico pugliese, abbiamo deciso di riproporvi una speciale ricetta – che, lo vogliamo ribadire in questa sede, non è l’unica ed originale ricetta per la preparazione di questo pane – che è frutto della creatività e dell’interpretazione dell’antico modo di fare il pane, ma che ci permette di ridurre i tempi di preparazione, usare il lievito di birra e cuocere il tutto in un forno elettrico.

Non possiamo infine dimenticarci di dire che, la preparazione del pane, è attività piuttosto complessa e che richiede una certa preparazione: grazie a questa nostra ricetta, anche i principianti e i dilettanti della cucina, avranno la possibilità di gustare un ottimo pane.

Per consultare il disciplinare del pane di Altamura e la sua storia cliccate sul link. Sul nostro sito è possibile acquistare il pane di Altamura che verrà spedito direttamente da un forno artigianale di Altamura.

Gli ingredienti per il pane di Altamura

Per ottenere un risultato soddisfacente con la preparazione del vostro pane di Altamura, dovrete assicurarvi di avere a disposizione tutti i seguenti ingredienti:

  • 600 grammi di semola di grano duro rimacinata (definita semplicemente farina di grano duro)
  • 12 grammi di lievito di birra
  • 400 ml di acqua
  • 15 grammi di sale fino

Dopo esservi procurati tutto il necessario, non vi resterà che sollevarvi le maniche e cimentarvi nella preparazione del pane…

Preparazione del pane di Altamura

Chi ben comincia, è a metà dell’opera: e per non tradire questo proverbio, dovrete quindi procedere facendo sciogliere il vostro lievito in un paio di cucchiai di acqua tiepida, dopodiché, impastare lo stesso con della farina, assicurandovi quindi al termine della preparazione, di far riposare il vostro impasto per almeno mezz’ora, il tempo necessario affinché si possa gonfiare in maniera sufficiente.

Sistemate quindi la vostra farina sulla spianatoia, avendo cura di realizzare il classico vulcano – o fontana – per far sì che al centro possiate aggiungere il lievito e, quindi, in modo graduale anche l’acqua, per poi procedere con l’impasto. Dopo esservi accertati che il lievito sia stato amalgamato bene, potrete aggiungere del sale (in questo modo, i due ingredienti non entreranno in contatto) e procedere impastando ancora per mezz’ora.

DSC_0327

A questo punto, lasciate lievitare il vostro impasto per circa 18 ore, dopodiché, riprendete ad impastare velocemente, in modo tale da interrompere la lievitazione, e quindi fate riposare il tutto per circa dieci minuti: in questa maniera, avrete minori difficoltà nello stendere la vostra pasta.

Fate assumere alla vostra pagnotta una forma rettangolare, quindi, arrotolatela su sé stessa (piegatura a portafoglio), per poi sistemarla all’interno di una leccarda con carta da forno e un po’ di farina. Effettuate tre o quattro tagli diagonali sulla vostra pasta, quindi, distribuite in modo abbondante della farina, e fate riposare il vostro impasto per mezz’ora sempre sulla vostra leccarda.

Eccoci quindi giunti alla fase finale della nostra ricetta: infornate il vostro impasto, per circa 30-40 minuti, a 220 gradi. Al termine della cottura, preoccupatevi di far raffreddare la pagnotta avvolgendola con un paio di canovacci di cotone.

 

Riepilogo
recipe image
Nome ricetta
Il pane di Altamura
Pubblicato il
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
Voto medio
2.51star1star1stargraygray Based on 70 Review(s)

35 Responses to "Il pane di Altamura"

  1. roberto  15 Novembre 2020

    mi spiegate perchè nella prima parte della spiegazione dite il procedimento e subito dopo ricominciate di nuovo con il procedimento…non si capisce bene … sembra che bisogna sciogliere il lievito con un pò di farina e lasciarlo riposare mezz’ora per poi mescolarlo con il resto di farina….è giusto questo procedimento?…è giusta la lievitazione di 18 ore?
    grazie per le risposte….cordiali saluti

    Rispondi
    • Ilaria Scremin  17 Novembre 2020

      Ciao Roberto,
      sì, è proprio così come c’è scritto.
      Si prepara un preimpasto e poi si impasta con il resto della farina.
      ciao e grazie per averci scritto

      Rispondi
  2. dana  9 Agosto 2020

    Lievito di birra? Perché non licori o lievito madre o pasta acida??

    Rispondi
  3. vittorio  21 Luglio 2020

    Perchè dopo le 18 ore mi ha fatto la sua superficie indurita ? avrei dovuto coprire l’impasto con strofinaccio umido o pellicola a velo plastica ?

    Rispondi
  4. cla  26 Maggio 2020

    Se uso lievito madre essiccato,quanto ne metto?

    Rispondi
  5. Nina  15 Maggio 2020

    Ciao

    Ho fatto gia qualche volte e mi e’ venuto sempre benissimo. Importante che il forno ha la temperatura almeno di 220 gradi. Grazie per la ricetta! Sono contenta 🙂

    Rispondi
  6. Giuseppe  30 Aprile 2020

    Volevo fare una domanda: 12 gr di lievito di birra per una lievitazione lunga (18h) a temperatura ambiente (questa notte e stamane avevamo di media 18°) non sono un pò tanti?
    Lo chiedevo perché il mio impasto dopo 12 ore si stava sgonfiando e verso la fine si presentava un pò più sgonfio (forse è già terminata la fase di lievitazione ?) con tante bolle sopra.
    Grazie.

    Rispondi
  7. Aracri  15 Aprile 2020

    Non c’è scritto se va fatto lievitare a temperatura ambiente o no…

    Rispondi
  8. Erica Carletti  14 Aprile 2020

    Ma lo zucchero se me mette per la lievitazione?

    Rispondi
  9. Cira  12 Aprile 2020

    Come mai il mio pane lievita molto dopo la cottura a vederlo è bellissimo ma rimane crudo dentro. Cosa sbaglio?

    Rispondi
    • Marco  12 Aprile 2020

      il tuo forno, facci sapere di più sulla cottura

      Rispondi
  10. Vania Valoriani  6 Aprile 2020

    io sto aspettando di vedere come rilieviterà dopo le18 ore ma mi sa che ho sbagliato perché l’ho messo in frigo

    Rispondi
  11. Giuseppe  2 Aprile 2020

    Buon giorno, posso impastarlo con l’impastatrice?

    Rispondi
  12. Rossella  31 Marzo 2020

    Ma se uso la farina 00 ?
    Ho solo quella a casa 😭

    Rispondi
  13. Lorenzo  28 Marzo 2020

    Comunque dato che la temperatura esterna non e’ molto calda…l’impasto l’ho fatto lievita in forno prima caldo a 50 gradi per 1 ora poi l’ho spento e fatto riposare dentro tutta la notte

    Rispondi
  14. Lorenzo  28 Marzo 2020

    Ho rispettato il procedimento che dice la ricetta…lievitato per 17 ore, interrotto la lievitazione e fatto riposare ancora 30 minuti. Forno caldo e infornato a forno statico per 42 min circa. Una bomba!

    Rispondi
  15. isabella  21 Marzo 2020

    salve. la lievitazione va fatta fare in frigo o coperta al cado ?

    Rispondi
    • Marco  21 Marzo 2020

      La lievitazione va fatta al caldo, dipende comunque dalla temperatura esterna, della giornata

      Rispondi
  16. enzo  20 Marzo 2020

    ma le 18 ore in frigo? o solo ricoperto con un canovaccio

    Rispondi
  17. Tommaso  13 Marzo 2020

    scusate ma il forno statico sopra e sotto o solo sotto?

    Rispondi
    • Marco  21 Marzo 2020

      le consiglio sopra e sotto, ma deve provare, noi usiamo il forno a legna, forse qualcuno che ha provato la ricetta a casa le risponderà

      Rispondi
  18. Fabio  11 Marzo 2020

    Ho testato oggi la ricetta diminuendo il lievito e portando la lievitazione a 28 ore.
    Ottimo risultato… Morbido gustoso e leggerissimo.

    Rispondi
  19. giorgio COLICIGNO  18 Febbraio 2020

    Io utilizzo un sistema molto più rapido ma efficace..metto gli ingredienti con pasta madre e lievito nella macchina del pane sul programma impasta e lievita..per circa un’ora..la macchina ha un sistema di riscaldamento per cui la proma lievitazione è molto veloce..poi impasto per qualche minuto e inforno nel forno preriscaldato..lascio lievitare per circa due ore poi la cottura a 220 g. Per circa mezz’ora…tale e quale a altamura..

    Rispondi
  20. GIULIO  3 Febbraio 2020

    A PARTE LA ” RICETTA” IN OGNI CASO LA LIEVITAZIONE DEVE ESSERE DI 18 ORE..!!
    CON PIEGATURA A PORTAFOGLIO…!!!

    Rispondi
  21. SERENELLA GORI  3 Febbraio 2020

    Oggi ho fatto il pane, nel forno della cucina a legna, con questa ricetta ed è venuto buonissimo, croccante e soffice. Mi spiace non poter allegare la foto

    Rispondi
  22. alba  2 Gennaio 2020

    io l’ho fatto ed è risultato ottimo. occorre rispettare i tempi di lavorazione e di lievitazione.

    Rispondi
  23. Moni  25 Novembre 2019

    Al pane bisogna fare le pieghe mentre lievita, ci voglionol lievito madre e la lunga lievitazione. Con questa ricetta verrà di pietra e basso.

    Rispondi
  24. elisa  7 Novembre 2018

    ho seguito la ricetta e il pane è venuto ottimo, avete anche una ricetta per farlo con il lievito madre? grazie mille

    Rispondi
  25. Wanda  21 Febbraio 2018

    A me il pane di Altamura è riuscito ottimo. La prima volta ho usato metà degli ingredienti, perché non ero sicura della riuscita. La prossima volta usero’ la ricetta completa. Non sono d’accordo con Stefano, nel commento precedente. La sua non riuscita non dipende dalla ricetta sbagliata, ma dalla sua inesperienza.

    Rispondi
  26. Stefano  4 Maggio 2017

    A me è venuto una sola………nel forno a legna non ha gonfiato ed è rimasto molto basso, praticamente da sbriciolare e darlo ai polli. Figurati se di danno la “vera” ricetta!!

    Rispondi
  27. Maria Messina  3 Novembre 2016

    Lo chiama lievito nel secondo impasto, dove dice di metterlo all’interno della fontana di farina

    Rispondi
  28. fausto  13 Ottobre 2016

    il primo impasto:
    ” lievito in un paio di cucchiai di acqua tiepida, dopodiché, impastare lo stesso con della farina, assicurandovi quindi al termine della preparazione, di far riposare il vostro impasto per almeno mezz’ora ”
    che fine ha fatto ?

    Rispondi

Leave a Reply to Stefano Cancel Reply

Your email address will not be published.