Tra i frutti che maturano a ridosso della fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, i fichi sono sicuramente tra i più popolari ed apprezzati che, oltre ad essere consumati freschi o lasciati seccare, possono pure essere gustati sotto forma di marmellata, per riuscire ad assaporare anche durante i mesi dell’inverno il sapore di questi frutti particolarmente salutari sotto tanti punti di vista. Preparatevi quindi a gustare questa conserva, equilibrata nel gusto e anche particolarmente ricca di energia, perfetta per cominciare al meglio una giornata o per fare uno spuntino o una merenda salutari.

I fichi: una fonte di benessere con un basso apporto calorico

Considerando come – almeno dal momento in cui siano consumati freschi – i fichi vi offrano soltanto 50 kcal per ogni etto di frutta consumata, è facile comprendere come questo frutto possa unire l’utile al dilettevole, considerando il suo gusto piacevole. D’altro canto, il fico è anche un’ottima fonte di fibre, al pari di quanto lo possa essere un kiwi o una prugna, essendo quindi raccomandato per regolare l’attività intestinale. È anche interessante notare come i fichi siano una preziosa fonte di polifenoli e calcio: e quest’ultimo, insieme con magnesio e potassio, è pure ideale per contrastare la pressione alta e, ancora, sono un importante alleato per contrastare un innalzamento della glicemia. Prestate però attenzione ai ficchi secchi, giacché questi ultimi – per quanto riguarda l’apporto calorico – sono decisamente meno leggeri: 100 grammi di frutta, infatti, vi offrono ben 250 kcal.

Gli ingredienti per preparare la marmellata di fichi

Come nel caso di tanti altri frutti, pure per i fichi è importantissimo prestare attenzione alla varietà selezionata per far sì che la propria marmellata sia gustosa come poche, come del resto, è altrettanto fondamentale dosare con la giusta misura lo zucchero, il quale secondo una “ricetta della nonna” di cui siamo entrati in possesso, dovrebbe essere pari a 600 grammi per un kg di frutta. Per consentirvi di ottenere un prodotto davvero pugliese, siamo riusciti ad individuare le principali varietà di questo frutto che si possono trovare all’interno del territorio regionale, in modo tale da permettervi di rendere veramente locale e sostenibile la vostra marmellata. Ecco quindi le varietà di fichi tipiche della Puglia:

  • Ottata, comunemente noto come “Dottata”, è sicuramente il più diffuso, anche nel resto del paese;
  • Dell’Abate, detto anche “Albachiara”, matura generalmente attorno alla prima metà di settembre;
  • San Giovanni, è noto anche quale “Culummara bianca”;
  • Della Signura, o altrimento detto “Della Monaca”, matura durante il mese di agosto;
  • Casciteddha, noto anche come “Albanega”, tipico dell’area salentina;
  • Marinese;
  • Processotto;
  • Morettina, con maturazione tardiva;
  • Rizzeddha, la cui maturazione avviene nel corso del mese di agosto;
  • Fracazzano bianco, denominato anche “Ficazzanu”, è particolarmente diffuso in Salento;
  • Fracazzano rosso, detto pure “Ficazzanu”, è molto presente nel Salento;
  • Rigato, chiamato anche “variegato”, anche questo tipico del Salento.

La preparazione della marmellata di fichi

Prima di tutto, preoccupatevi di effettuare la mondatura dei fichi – eliminando accuratamente i piccioli – dopodiché procedendo a lavare gli stessi e, quindi, ad affettarli avendo cura di mantenere tuttavia la buccia. A questo punto, potete procedere a sistemare i vostri fichi all’interno della vostra pentola di acciaio, dopodiché, potrete procedere a ricoprire gli stessi con dello zucchero. Lasciate quindi macerare il tutto in un luogo fresco ( evitando tuttavia di far ricorso al frigorifero) per un periodo di circa 12 ore. In seguito, preoccupatevi di cuocere su fuoco medio la vostra marmellata, schiumando in modo frequente e, soprattutto, asportando i semini che emergessero durante la cottura.

La cottura dovrà procedere fino al momento in cui la marmellata abbia raggiunto il giusto livello di consistenza: per accertarvi di aver raggiunto il risultato, non dovrete far altro che versare un cucchiaino di marmellata su un piatto e, qualora lo stesso non scivolasse agevolmente, la vostra marmellata sarà pronta per essere sistemata nei vostri barattoli, ancora calda.

Riepilogo
recipe image
Nome ricetta
Marmellata di fichi
Pubblicato il
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale

Leave a Reply

Your email address will not be published.