Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  

funghi cardoncelli - La Terra Di Puglia

Il fungo Cardoncello, noto anche con il nome scientifico di Pleurotus Eryngii, è forse uno dei più deliziosi funghi che madre natura ci offra, senza nulla togliere ovviamente ai gustosissimi e pregiati funghi Porcini o ad altre varietà ugualmente molto amate ed apprezzate in tutta Italia. Vi sono diverse tipologie di funghi cardoncelli, ma tutte hanno in comune il colore scuro ed il sapore davvero particolare, intenso e pastoso, con note di pane e di finocchio. Conosciamo insieme i funghi cardoncelli, prodotto tipico pugliese che non può mai mancare sulle nostre tavole durante la stagione fredda. 

Il nome dei funghi Cardoncelli

Come detto in apertura, i funghi cardoncelli sono anche noti con il nome scientifico di Pleurotus Eryngii, da non confondere con i Pleurotus cornucopia, che sono ben diversi (ed ugualmente gustosi). Effettivamente, i cardoncelli appartengono alla famiglia delle Pleurotaceae. Il nome del fungo cardoncello non è univoco, anzi. Questi deliziosi e ricercatissimi funghi sono noti anche con diversi altri nomi, tra i quali citiamo Ferlengo, Cardarello, Fungo di Ferula.

Descrizione: caratteristiche e aspetto

Il cardoncello è un fungo dal cappello largo fino ai 10 cm, largo e lievemente vellutato. E’ più scuro se non esposto particolarmente al sole, più chiaro se invece è stato esposto ai raggi del sole. Il gambo è largo da 1 a 3 cm ed alto fino a 10 cm. E’ ben sono de può presentare piccole macchioline color ocra. La carne in generale è ben soda ed è uno dei motivi per cui questo fungo è particolarmente gradito.

Fungo cardoncello - La Terra Di Puglia

Funghi Cardoncelli, proprietà e curiosità

I funghi cardoncelli sono noti ed apprezzati fin dall’antichità. Anche nel MedioEvo li si consumava abitualmente ed erano molto graditi. Ai tempi si riteneva che essi avessero proprietà afrodisiache, infatti in Santo Uffizio li mise all’indice in quanto alimento capace di distrarre i Cristiani durante le penitenze. Parlando dei funghi cardoncelli, proprietà afrodisiache probabilmente non ce ne sono, ma sicuramente sono ottimi per proteggere il sistema cardiovascolare e per rinforzare il sistema immunitario. Sono ricchi di vitamine e biotina, oltre ad essere poverissimi di grassi, il che li rende alimento ideale per chi è a dieta.

Funghi Cardoncelli, velenosi?

I funghi cardoncelli non sono velenosi. Alcuni esperti li definiscono funghi “onesti” proprio perchè non sono confondibili con altre varietà velenose. E non solo: gli esperti lo definiscono anche discreto e democratico, perchè il suo sapore è gustoso senza esagerare, perchè valorizza tutti i sapori senza coprirne o sovrastarne alcuno. Insomma, si tratta di un fungo capace di metter d’accordo tutti, esperti di cucina, chef professionisti ed amatoriali e naturalmente tutti gli amanti della buona cucina pugliese.

Crescita funghi cardoncelli

I funghi cardoncelli sono un prodotto tipico pugliese perché crescono in abbondanza in regione. Lo si trova nel Salento, nelle Murge, in Val d’Itria e nel Gargano. Ricordiamo che andare a funghi è un hobby bellissimo ma che per farlo è fondamentale avere la giusta esperienza e preparazione. Inoltre, serve un patentino per raccogliere i funghi, che è rilasciato dal proprio comune di residenza a seguito di attestazione di frequenza di uno specifico corso seguito presso le ASL.

Fuori regione, i cardoncelli si trovano anche in Abruzzo, Molise, Lazio, Calabria, Sardegna.

funghi-cardoncelli La Terra Di Puglia

Funghi cardoncelli, coltivazione

Per quanto riguarda i funghi cardoncelli, la coltivazione è possibile sia su grande scala, come avviene in Germania, sia e livello di hobbistica. Non si tratta di un hobby particolarmente impegnativo. Sul web sono in vendita dei kit per la coltivazione dei funghi cardoncelli che consentono di raccogliere i propri funghi abbastanza agevolmente nel giro di una ventina di giorni.

Funchi cardoncelli, raccolta

La raccolta dei funghi cardoncelli avviene tra settembre ed aprile. Lo stesso accade se acquistate i kit per la coltivazione dei cardoncelli, perché in generale la temperatura ideale per la crescita e raccolta dei funghi è tra i 10 e 20 gradi.

Funghi cardoncelli, ricette

Le ricette con funghi cardoncelli abbondano. Si tratta di un ingrediente molto versatile e gustoso, capace di dar vita anche ad abbinamenti gastronomici inaspettati. Ecco un elenco con qualche idea utile:

  • funghi cardoncelli ricette di primi (risotti oppure piatti di pasta fresca fatta a mano, da condire con del pomodorino fresco e cardoncelli saltati);
  • funghi cardoncelli gratinati al forno, conditi con olio e sale;
  • funghi cardoncelli impanati al forno;
  • funghi cardoncelli fritti (sono ottimi con una pastella alla birra).

I cardoncelli protagonisti in tavola e sagre pugliesi


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •