La stagione durante la quale solitamente si preferisce preparare conserve, verdure sott’olio, giardiniere oppure marmellate è solitamente l’estate. Per preparare correttamente un sottolio è fondamentale eliminare la carica batterica, ecco dunque spiegato come sterilizzare conserve e sottoli.

Come sterilizzare conserve e sottoli

Conserve e sottoli devono essere un piacere e una bontà, e non rivelarsi fonte di spiacevoli avventure capaci anche di mettere a repentaglio la nostra salute. Allora, vediamo come sterilizzare per bene il tutto!

Regola numero 1: l’igiene!

Quando preparate qualunque tipo di sottolio, conserva, sottaceto, marmellata, confettura o altro prodotto in vaso, dovete partire dalle basi. Lavatevi sempre le mani, e lavate anche gli utensili che andrete ad utilizzare.

Regola numero 2: i vasi e le capsule (ovvero, i coperchi)

Anche vasi e capsule devono essere ben sterilizzati. Abbiate cura di bollire in acqua per 30 minuti sia i vasi o bottiglie che le capsule. Poi scolate il tutto dall’acqua, mettete il tutto su un canovaccio pulito, e fate asciugare perfettamente. I vasi possono essere riutilizzati, mentre le capsule devono essere sempre nuove.

Vasi e capsule possono essere sterilizzati anche in forno oppure nel forno a microonde. Nel forno tradizionale, portate il forno a 100 gradi, e poi mettete i vasi dentro per 5 minuti, inclusi i coperchi. Lasciate poi raffreddare lentamente ancora nel forno. Nel forno a microonde, sarà sufficiente invece un minuto alla massima potenza.

C’è anche chi sterilizza i vasi e i barattoli in lavastoviglie: dovete, in tal caso, azionare la lavastoviglie impostando il lavaggio ad alta temperatura.

Regola numero 3: sterilizzare dopo l’invasamento

Dopo aver invasato il vostro sottolio, sottaceto, giardiniera, prodotto in salamoia o altro, chiudete stretto stretto il vaso, e rimettetelo a bollire in acqua per altri 30 minuti, poi fate raffreddare il modo lento e naturale. Durante il raffreddamento, sentirete le capsule fare clack.

Se avete preparato una marmellata o conserva, invece, non occorre bollire i vasi o i barattoli, ma dovete capovolgerli. Andranno sottovuoto in questo modo, durante il raffreddamento.

Metodo salentino “alla manta”. Una volta, quando si faceva la passata di pomodoro, si usava il metodo alla manta, che vuol dire coperta. Si chiudevano strette strette le bottiglie di pomodoro bollenti, e si copriva il tutto con molte coperte. Il raffreddamento avveniva in modo molto molto lento, e la sterilizzazione era assicurata.

Ecco come sterilizzare vasi, vasetti e barattoli in modo sicuro. Per altri dubbi non esitate a contattarci!