puglia-primo-spazioporto-italia

La Puglia ospiterà il primo spazioporto dell’Italia

Gli appassionati di voli spaziali – e di tutto quanto gravita attorno a questo particolare ambito dell’aviazione – possono subito annotarsi un evento di portata storica: secondo quanto è stato reso noto dal ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che ha delegato a questo proposito l’ENAC per tutte le verifiche del caso, entro il 2020 partirà il primo volo suborbitale dal nostro paese. Il primo spazioporto dell’Italia – cioè l’infrastruttura a supporto di questo tipo di missioni – sarà nientemeno che all’interno dell’aeroporto di Taranto Grottaglie.

Lo spazioporto di Taranto sarà di supporto per voli di persone e merci

Ad annunciare questa importante conquista per la nostra regione – in quel di Bari – c’erano il presidente della Puglia Michele Emiliano, il presidente dell’Ente Nazionale dell’Aviazione Civile Vito Riggio, il presidente degli Aeroporti di Puglia Tiziano Onesti e, infine, il sindaco della località che avrà l’onore di ospitare il primo spazioporto italiano, Grottaglie, Ciro d’Alò. Da questo scalo, quindi, potranno essere organizzati voli suborbitali di persone e merci e, secondo quanto reso noto dal governatore pugliese, le istituzioni regionali si attiveranno presso le compagnie che offrono questi voli.

Per riuscire ad essere operativa, però, la struttura necessiterà di una serie di lavori di adeguamento che consentano ai velivoli di sfruttare al massimo il potenziale dei voli suborbitali, per i quali è necessario raggiungere un’altitudine di 100 km. Per la Puglia, questa importanza iniziativa, potrebbe rappresentare un’occasione molto interessante per riuscire a promuovere anche un modello turistico ad hoc per le persone appassionate di questo particolare settore dei traporti, che in futuro rivoluzionerà in maniera importante le abitudini di milioni di persone.

Questa infrastruttura, quindi, potrebbe fungere anche da volano per lo sviluppo dell’industria aerospaziale, nonché per la creazione di centri di ricerca e di competenza tecnologica, con il relativo indotto a favore del territorio. La prima azienda che, invece, potrebbe far decollare i suoi voli suborbitali dallo spazioporto di Taranto Grottaglie potrebbe essere la Virgin. In attesa di salire a bordo di uno di questi velivoli, date un’occhiate a questo video: buona visione a tutti!