Il 31,40% dei giovani é in sovrappeso nonostante il buon cibo

Si sa, la Puglia è una di quelle regioni del nostro paese che offre tanti prodotti buoni e genuini da portare in tavola: basta pensare al buon olio extravergine di oliva ed a tanti altri alimenti che possono essere inseriti tranquillamente all’interno della sana dieta mediterranea. Ovviamente, quando si parla di dieta equilibrata è pure necessario parlare di attività fisica: infatti, se da una parte, mangiare correttamente ci permette di stare bene – riducendo pure la possibilità di incorrere in patologie quali malattie cardiovascolari, tumori e diabeti – dall’altra è pure fondamentale fare movimento. Una buona attività motoria associata a un’alimentazione di qualità possono aiutarci a raggiungere il peso ideale e godere di un’ottima vita. Purtroppo, però, in Puglia sembra non essere così: gli studi più recenti parlando della popolazione giovane in grave rischio di sovrappeso.

I bambini ed i ragazzi della Puglia non mangiano correttamente

A dare la conferma di quanto abbiamo appena accennato, è stata proprio la Coldiretti Puglia in occasione del commento riportato direttamente dal Rapporto fatto da Unicef, sui dati dell’Istat. Il 31,4% dei bambini, difatti, sembra essere in sovrappeso per via di pessime abitudini alimentari, con uno scarso consumo di verdura e frutta. Negli ultimi anni, in Puglia, si è cercato di porre rimedio a questo problema grazie al Progetto di Educazione alla Campagna Amica, il quale ha portato ben 90 mila bambini e 270 scuole nelle masserie didattiche. Lo scopo di tali eventi è favorire il consumo intelligente dei prodotti stagionali che la terra è in grado di offrire in Puglia. Dalle statistiche è pure emerso che solo il 5,9% dei pugliesi ha l’abitudine di impostare nella propria dieta 5 porzioni di frutta e verdura, dati che portano ad incremento del rischio di incorrere in malattie cardiovascolari da parte dei pugliesi (98,8%). Tra le altre pessime abitudini dei più giovani vi è pure il non fare la colazione: il 27,4% di loro, con età compresa tra gli 11 e 15 anni, difatti, va a scuola senza mangiare alcunché la mattina, mentre che il 7,1% non mangia mai frutta e il 11,7% la verdura. Questo studio, condotto dal gruppo di ricerca HBSC composto dall’Istituto superiore della sanità, dalle Università di Torino, Padova e Siena, dal ministero della Salute, dal ministero dell’Istruzione e Regione Puglia, è stato presentato in occasione della Fiera del Levante della Regione Puglia è mette sotto la lente di ingrandimento lo stile di vita scorretto di tanti giovani che, a lungo andare, potrebbe arrivare a soffrire di malattie cronico-degenerative. Lo studio effettuato su 177 classi della scuola secondaria di I grado e II grado per un totale di 3087 studenti ha fatto emergere ulteriori dati allarmanti: il 10,7% di loro non mangia legumi e il 25,3% mangia dolci e cioccolato tra 2-4 giorni a settimana. Continuando ad analizzare la situazione, si deduce pure che il 19,2% beve bevande zuccherate o cola tra 2 e 4 volte a settimana ed il 21,5% almeno una volta a settimana.

Quindi, se ne deduce che il 20,6% tra gli undicenni è in sovrappeso ed il 4,2% addirittura obeso.