Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  

Una puccia con le olive

La cellina di Nardò è un cultivar tipico della parte più meridionale della regione Puglia. Si trova in particolare nel basso Salento, in provincia di Lecce, ma anche in provincia di Taranto e di Brindisi. L’olio estratto dal monocultivar cellina di Nardò è un olio di pregio, dalle grandi qualità organolettiche. Ma vediamo di conoscere meglio questa varietà.

Percorrendo in auto la regione Puglia da nord verso sud, vi accorgerete sicuramente del fatto che gli alberi di ulivo non sono tutti uguali. Le varietà di albero di ulivo sono più di una, e non serve un occhio eccessivamente esperto per distinguerle. Potrete notare, infatti, alberi dal portamento cosiddetto assurgente, cioè i cui rami si sviluppano verso l’alto e alberi che invece hanno un portamento espanso, ovvero si sviluppano in orizzontale. Anche il tronco e i rami possono essere diversi: troviamo varietà aventi tronchi più tozzi, e varietà aventi invece tronchi più esili.

PUOI ACQUISTARE QUI LA CELLINA DI NARDO’

Resa bassa, prodotto eccellente

La Cellina di Nardò ha una resa tutto sommato bassa (15%), e l’olio che ne deriva è davvero delizioso, con sentore di frutta e mandorla, lievemente erbaceo e nel complesso intenso. Il retrogusto è gradevolmente amaro. Come già anticipato, la resa è bassa, perchè queste bellissime olive dal colore leggermente violaceo sono, per così dire, “restie” a farsi spremere. Il risultato è un olio dalla qualità molto alta, dal sapore ottimo e dai valori nutrizionali di grande pregio.

Monovarietale, multivarietale e gastronomia: un’oliva tutto sommato versatile

La Cellina di Nardò viene usata sia in purezza che per dar vita a blend, ovvero ad olii prodotti da diverse varietà di cultivar mescolate insieme.  Per ciò che concerne il multivarietale, la cellina viene solitamente abbinata all’ogliarola.

La Cellina di Nardò è anche largamente amata ed usata in cucina. Ottima in salamoia, essa è anche ingrediente principe di tanti piatti tipici del Salento, come le pucce con le olive o altri squisiti piatti quali le verdure cotte o le carni in umido alla pizzaiola e le focacce.

La pitta di patate

La pitta di patate Leccese

La pitta di patate è uno di quei grandi piatti della tradizione salentina che vedono la Cellina di Nardò quale protagonista. Si tratta di un gateau di patate ripieno di una deliziosa salsa “pizzaiola” con pomodori e cipolla, con in aggiunta anche capperi, olive ed altri ingredienti saporiti.

 

 


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •