subappennino-dauno-puglia

Promuovere il turismo su tutto l’arco dell’anno

Un territorio come quello pugliese, così ricco di diversità e capace di proporre attrazioni di ogni tipo e potenzialmente interessanti su tutto l’arco dell’anno, non può non puntare su una destagionalizzazione del turismo: se questo settore ha infatti un ruolo di primo piano nel rilancio dell’economia regionale, è altrettanto vero che finora è stato sfruttato prevalentemente per la stagione a cavallo della primavera (tarda) e l’estate, non valorizzando in maniera completa quanto la Puglia possa offrire anche durante i mesi dell’autunno e dell’inverno ai suoi potenziali ospiti.

Per ottenere questo obiettivo, la regione ha quindi proposto un nuovo progetto dal nome “Discovering Puglia tra vie e cammini“, stimolando i turisti a riscoprire una Puglia antica, insolita, gustando le bellezze dell’arte e della natura che si possono trovare percorrendo le Vie Francigene presenti nella regione. L’iniziativa ha preso il via la scorsa domenica 20 settembre e, a cadenza settimanale, ogni domenica sarà possibile prendere parte a queste escursioni sulle antiche vie pugliesi, con ben 66 percorsi differenti che si snodano all’interno di 118 comuni pugliesi.

Ad ogni escursione si potrà prendere parte tanto a piedi quanto in bicicletta, senza dover pagare alcun costo per l’iscrizione, e si potranno attraverso il Gargano, la Daunia, Bari con la sua costa, la Valle d’Itria, la Puglia Imperiale, la Magna Grecia, La Murgia e le Gravine, per giungere al Salento. Tra i percorsi, si possono segnalare la Via Francigena che collega Celle San Vito con Brindisi, la Via Appia, la Via Traiana, la Via Micaelica, i Cammini tra Bari e Barletta fino a Matera, la Via Leucadense che arriva fino a Santa Maria de Finibus Terrae.