rodolfo valentino - Castellaneta - Laterradipuglia.it

Nota anche come città del Mito per aver dato i natali a Rofolfo Valentino, Castellaneta è una città di poco meno di 18 mila abitanti, situata nella provincia di Taranto, a nord ovest dalla città. Siamo nel cuore del parco Terra delle Gravine, in una zona geografica che si estende dalla Murgia Tarantina sino al Mare Jonio. Qui, il terreno è interamente di origine carsica, e vale davvero la pena di visitarlo. Oltre, naturalmente, alla marina, che ogni anno attrae un numero ingente di turisti. Un motivo in più, per i più romantici, può essere quello di seguire le tracce dell’indimenticato Rodolfo Valentino.

Chi era Rodolfo Valentino

Rodolfo Valentino, così come Rudolph Valentino, era il nome d’arte di Rodolfo Pietro Filiberto Raffaello Guglielmi. Fu uno dei maggiori divi del cinema muto. Per i tempi, fu un vero e proprio sex symbol, a tal punto che le innumerevoli fan lo chiamarono Latin Lover. Aveva un indubbio talento recitativo, a tal punto che fu più volte lodato dallo stesso Charlie Chaplin.

Rodolfo Valentino nacque dunque a Castellaneta il 6 maggio 1895. Era figlio di un veterinario e di una gentildonna di origine francese e dama di compagnia di una marchesa. Il giovane Rodolfo si diplomò in agraria, ma a 17 anni si trasferì a Parigi e di lì si trasferì in America.

LEGGI ANCHE  Reveries, l'arte pugliese itinerante by stART HUB

Oltreoceano lavorò come ballerino presso il Maxim’s Atlamtic, e fu proprio qui che incontro Norman Kerry, che lo spinse a spostarsi ad Hollywood, dove intraprese la carriera di attore che tutti conosciamo.

Non fece mai più ritorno a Castellaneta

Rodolfo Valentino morì a soli 31 anni a New York, per una peritonite. I funerali si svolsero in pompa magna e il delirio collettivo dei fan (e delle fan) non ebbe precedenti.

A Castellaneta, nelle vicinanze della sua casa natale, c’è oggi una lapide in sua memoria. Il paese propone anche un Museo Documentario dedicato al mito di Rodolfo Valentino.

La casa del divo si trova in Via Roma, mentre il museo a lui dedicato si trova presso il Convento di Santa Chiara.