economia pugliese

Puglia e crisi: 50.000 posti di lavoro in meno

In un contesto economico nazionale in cui la crisi non accenna a diminuire, anche in Puglia gli effetti negativi della congiuntura non mancano di manifestarsi, soprattutto osservando gli ultimi dati Istat che mettono ben in evidenza un trend negativo, sottolineato anche da Cgil, Cisl e Uil, con una perdita di più di 50.000 posti di lavoro a livello regionale, dove, in modo particolare ad essere colpito dalla crisi è stato il comparto della manifattura. Ad essere colpiti maggiormente da questo fenomeno negativo, sono in modo particolare i lavoratori più giovani, ai quali si aggiungono poi quelli di età più avanzata, che rischiano di essere estromessi dal mondo produttivo.

Puntare sui giovani: l’iniziativa di Coopstartup Puglia

A livello regionale, la Legacoop ha dato il via ad una iniziativa volta a premiare in modo particolare i giovani, dal nome evocativo “Coopstartup Puglia“, e che mira a sostenere le idee più promettenti degli imprenditori pugliesi tra i 18 e i 35 anni. Scopo dell’iniziativa, è quello di sostenere lo sviluppo di cooperative capaci di trovare il proprio mercato, a partire dal programma “Laboratori di impresa” per la formazione degli imprenditori e, la seconda, per sostenere le 15 iniziative di impresa ritenute meritevoli di considerazione, con il supporto della startup da parte dell’intera rete Legacoop Italia.