Galpagro, una società pioneristica focalizzata su uliveti ad alto rendimento, e IBM Spagna hanno unito le forze su un’iniziativa che utilizza la tecnologia blockchain per tracciare tutte le fasi della produzione e distribuzione dell’olio extravergine di oliva, dall’olivo al consumatore.

Questa tecnologia applicata all’olio d’oliva è una grande opportunità per dare piena fiducia al consumatore su quale tipo di olio viene acquistato.

Il progetto, Olive Trace, ha debuttato nella campagna vendemmia 2018/19 presso la Finca El Valenciano di Siviglia, dove alcuni dei terreni della tenuta saranno la base del primo olio extravergine di oliva a produzione limitata con una traccia completa di blockchain.

Anche il produttore di olio d’oliva Oleocano e Rurápolis, una società di consulenza per lo sviluppo rurale, fanno parte del progetto, che tenta di rispondere alle pressioni crescenti che le organizzazioni di consumatori in Spagna stanno imponendo all’Unione europea .

I produttori vogliono convincere l’UE a rendere obbligatoria l’incorporazione di informazioni dettagliate sull’origine dei prodotti freschi e fabbricati su tutte le etichette dei prodotti.

Ciò risponderebbe alle richieste sempre più ossessive dei consumatori per i dettagli sull’origine, l’autenticità, i contenuti e i benefici per la salute dei prodotti alimentari che mangiano, come l’olio d’oliva, e anche la compatibilità ambientale del prodotto.

“Questa tecnologia applicata all’olio di oliva è una grande opportunità per dare piena fiducia al consumatore su quale tipo di olio viene acquistato”, ha detto a Telegraph Ricardo Domínguez, vice ministro dell’agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale dell’Andalusia.

Blockchain è un registro digitale sicuro che registra le transazioni in blocchi, che vengono poi copiati su reti di computer che consentono loro di essere condivisi. Attraverso una piattaforma di dati crittografati registrata in una catena inviolabile, Olive Trace fornirà informazioni dettagliate sugli attori e le transazioni coinvolte in ciascuna fase del processo di produzione dell’olio extravergine di oliva.

Dopo aver scansionato un codice QR, chiunque abbia accesso alla blockchain potrà vedere tutte le informazioni sul suo olio extravergine di oliva usando un’app. Questa applicazione consentirà loro di avere dettagli su tutte le transazioni, dalla raccolta nella fattoria degli ulivi alla collocazione sullo scaffale del supermercato, compreso il processo di certificazione. Ciò rafforzerà la fiducia degli utenti attraverso una maggiore tracciabilità.

Ora, gli utenti avranno dettagli sulla posizione esatta in cui vengono coltivati ​​gli ulivi, la varietà di olive, la spremitura delle olive nel mulino, la produzione di petrolio, l’imballaggio e la distribuzione, fino a quando l’olio non raggiungerà i consumatori nazionali e internazionali. Anche tutti gli attori coinvolti nei processi di produzione e vendita saranno visibili e trasparenti.

Il sistema è quindi interessante non solo per i consumatori, ma anche per gli olivicoltori, i produttori di olio, i confezionatori e gli esportatori.

IBM si è concentrata sul settore alimentare per promuovere progetti che incorporano la tecnologia blockchain. Nel caso dell’olio d’oliva, la blockchain aiuta a garantirne la qualità, l’origine, la salubrità e anche a evitare le frodi petrolifere.

Ciò inoltre sosterrebbe il processo di produzione rendendo più facile per i produttori, in particolare i piccoli produttori, ottimizzare le operazioni e gestire il carico di lavoro, le risorse umane, lo stock, la logistica ei costi in modo più efficiente e con meno intermediari.

Lo scorso maggio, il settore olivicolo spagnolo ha visto anche il lancio di Olivacoin, una società che ha creato un hardware per gestire la volatilità dei prezzi e il controllo di qualità e fornire una piattaforma di pagamento per acquirenti e venditori di olio d’oliva, utilizzando la criptovaluta basata sulla tracciabilità dei blockchain alimentari.

Articolo ripreso e tradotto da oliveoiltimes.com