nardò-ecoturismo
photo by zingarate

Cresce il turismo nella città di Nardò

Il Salento continua a piacere molto, tant’è vero che anche la cittadina di Nardò ha registrato un incremento di turisti pari al 30% per quanto riguarda gli arrivi durante la bassa e la media stagione. In questa maniera, si conferma ancora una volta che vi è la destagionalizzazione dei flussi di turisti! L’ufficio di accoglienza e informazione turistica del sedile di piazza Salandra ha raccolto i dati di questo trimestre e li ha paragonati con quelli del precedente anno è giunta proprio a questa conclusione. Andando a vedere nel dettaglio i dati raccolti dagli operatori  hanno visto un totale di ingressi del 30% a Nardò ed il restante 70% tra Lecce, Porto Cesareo, Gallipoli, Ugento e tante altre località poste nell’entroterra pugliese della provincia.

Dettagli tecnici del turismo in Puglia

Passando alle proveniente, sono i lombardi a scegliere di più la località di Nardò per le proprie vacanze, con 1255 unità totali – il 6% in più rispetto al 2018 – seguiti da piemontesi con 503 e veneti con 320. Per quanto riguarda le provenienze dall’estero, invece, la Francia e la Germania sembrano primeggiare; anche i turisti provenienti l’Olanda, Inghilterra, Svizzera e Belgio gradiscono trascorrere le proprie vacanze in questa località del sud Italia. A colpire in particolare sono comunque i turisti provenienti dall’Australia: infatti, rispetto lo scorso anno, si parla addirittura di una cifra molto alta, quantificabile in un +337%. Gli stessi numeri, poi, sono stati nuovamente confermati anche da quelli forniti dall’amministrazione del comune da alcune strutture note nel nerentino.