torre chianca - Laterradipuglia.i

Percorrendo la costiera salentina in tutta la sua interezza non potrete fare a meno di notare una lunga fila di torri costiere, alcune in buone condizioni, altre meno, che punteggiano la litoranea con eleganza e dominano il mare. Si tratta di un elegante oltre che molto pratico sistema difensivo voluto nel Cinquecento da Carlo V a difesa del territorio dalle invasioni turche. Tra queste figura anche Torre Chianca, protagonista della leggenda che oggi ci accingiamo a raccontarvi. Sì, perchè la Puglia non è solo terra di straordinarie vacanze di mare e di ottima gastronomia. E’ anche una terra di favolose leggende, alcune romantiche, altre drammatiche, altre ancora ricche di magia e di mistero. Scoprirle e raccontarle una ad una è sempre un piacere. Scopriamo oggi la leggende che vede come protagonista proprio Torre Chianca.

La leggenda dell’amore finito di Torre Chianca

Narra dunque la leggenda che vi fossero due giovani di Surbo perdutamente innamorati l’uno dell’altra. Presto convolarono a nozze e in paese sembrava davvero che nessuno potesse essere più felice ed innamorato di loro. Trascorrevano lunghe giornate insieme giurandosi amore eterno e coprendosi di baci ed effusioni, e giurandosi eterno amore.

Il giovane rivolgeva all’amata mille e mille attenzioni e premure, facendola sentire la donna più desiderata ed amata del mondo. Ma dopo qualche anno, e nonostante tutti i giuramenti, questo grande amore cominciò piano piano ad affievolirsi e il giovane cominciò a mostrarsi sempre più distaccato ed assente.

LEGGI ANCHE  Povia, annullato il concerto. Ed è subito bufera.

Dopo un pò di tempo, deciso a voler trascorrere il resto della sua vita con la nuova fiamma, il giovane mise a punto un piano diabolico per sbarazzarsi una volta per tutte di quella precedente. Dunque riprese a dare le giuste attenzioni alla moglie, coprendola di premure e dedicandole parole dolci, ma soprattutto convincendola che è tutto come prima e che nulla è cambiato.

Dopo alcuni giorni, invitò la compagna presso Torre Chianca per una passeggiata in riva al mare, e qui decise di portare a termine il suo piano diabolico. Giunti in prossimità della torre, i due si abbracciarono teneramente in contemplazione del tramonto, ma in un secondo l’abbraccio si tramutò in una spinta e la giovane sposa fu spinta in mare. Dopodichè il giovane fuggì dalla nuova amata.

Il lieto fine di questa leggenda pugliese è quello che tutti speriamo di sentire

Ma il destino ha sempre in serbo un lieto fine per i protagonisti buoni delle nostre leggende. Sicchè il mare, impietosito, placa le sue onde, e un pescecane, lì mandato dalla Divina Provvidenza, accolse sul suo dorso la giovane conducendola in salvo a riva. 

La fine di questa leggenda pugliese la potete immaginare, è a favore della sventurata che, una volta in salvo, condurrà una vita ancor più felice di prima. Al contraro, lo sposo trascorrerà il resto dei suoi giorni in preda al rimorso e vittima delle angherie dalla nuova compagna, che ben presto si rivelerà meno docile di quanto potesse sembrare.

LEGGI ANCHE  Tre alberi per il Royal Baby

Se vi trovate in vacanza in Puglia e avete voglia di fare due passi a Torre Chianca, non dimenticate questa romantica leggenda di amore e raccontatela a chi si trova con voi (senza tuttavia poi spingerlo/a in mare!)


Leave a Reply

Your email address will not be published.