ponte del ciolo - La Terra di Puglia

Il Salento è una terra baciata da due mari che offre al turista una vasta gamma in fatto di spiagge e coste. Spiagge attrezzate, spiagge libere, spiagge per nudisti, spiagge per tutti i gusti, e poi ancora scogli misti a spiaggia e scogliere a picco sul mare. E’ di queste che oggi parliamo, visto che l’argomento è: 4 luoghi da non perdere per i tuoi tuffi pazzi in Salento. E quando diciamo pazzi, intendiamo davvero pazzi! 

1 – Tuffo a Porto Selvaggio

Siamo in località Nardò, per la precisione nella frazione di Porto Selvaggio. Qui troverete una scogliera meravigliosa ed accogliente, rivestita da morbida erbetta dove concedervi un bel pic nic. Davanti a voi il mare ed il paesaggio mozzafiato che solo una vacanza in Salento può offrire. Il tuffo è di difficoltà medio alta, ma tutto sommato fattibile. Buon divertimento!

Altezza del tuffo: 25 metri

2 – Tuffo alla Grotta Zinzulusa

La grotta Zinzulusa è una grotta naturale molto suggestiva, visitabile previo pagamento di un biglietto ed accompagnati da una guida. Il nome Zinzulusa fa riferimento agli Zinzuli, ovvero i panni appesi. Ovviamente non vi sono panni, ma solamente stalattiti e stalagmiti. La grotta è stata più volte ripulita dal guano dei pipistrelli, operazione per compiere la quale gli operai hanno installato delle passerelle ora usate per visitare la grotta. In alternativa, è possibile anche visitarla via mare. Il tuffo che si può fare comodamente dalla bocca della grotta.

Altezza del tuffo:15 metri

3 – Tuffo alla Grotta della Poesia

Siamo in località Roca Vecchia, pochi minuti di guida a nord di Otranto. Vi spieghiamo come arrivare e di che si tratta qui. Oggi mentre scriviamo (agosto 2020) ci risulta che l’accesso alla Grotta non sia più aperto e libero come un tempo, a causa delle eccessive affluenze degli anni scorsi. Vi conviene verificare prima di andarci, ad ogni modo si tratta di un luogo davvero incantevole anche solo da vedere. Si tratta di una vera e propria piscina a cielo aperto, generata dal crollo della parte superiore di una grotta scavata da un antico fiume sotterraneo. E’ un luogo davvero notevole, anche perchè sulle sue pareti si possono ancora oggi vedere chiaramente delle iscrizioni risalenti ai Messapi. Occhio al nome: non c’è nulla di poetico nel nome, che deriva invece dal Greco. Posia, in greco, significa acqua dolce.

Altezza del tuffo: 5 metri

4 – Tuffo dal ponte del Ciolo

Abbiamo tenuto in ultima posizione in tuffo più folle che potreste mai fare. L’altezza è notevole, così come (poi non dite che non vi avevamo avvisati) il rischio di farsi male (!). Il ponte del Ciolo si trova sulla litoranea che da Santa Maria di Leuca si dirige verso Otranto, a 5 km circa di guida dopo Leuca. Il ponte è stato costruito per colmare la distanza tra due lembi di terra separati da una gravina naturale.

Altezza del tuffo: 40 metri

Infine….

Vi segnaliamo infine per dovere di cronaca un promontorio, situato in località Gallipoli, chiamato La Morte. Il nome già la dice lunga, ma non sono pochi i turisti che tentano ugualmente il tuffo. Per raggiungere questo promontorio, uscite da Gallipoli in direzione sud verso la località Rivabella, e chiedete della Montagna Spaccata. Buon tuffo e buona fortuna!