latticini pugliesi - Shop La Terra Di Puglia

Chi ama i latticini freschi e li consuma volentieri a pasto, magari in sostituzione di altri alimenti, al fine di alimentarsi in modo fresco e leggero, vorrebbe sempre averne in grande quantità a disposizione nel frigo. Ma come conservare i latticini freschi? Come conservarne le proprietà organolettiche inalterate? Acquistarli insomma può essere facile, bisogna poi capire come poterli gustare senza doverli mangiare tutti subito. 

Durante il processo d’acquisto dei latticini freschi

Se acquistate i vostri latticini freschi localmente, abbiate cura di acquistarli per ultimi, al termine della vostra spesa. Se è estate e fa molto caldo, portate con voi una borsettina termica, così da portarli a casa senza che questi perdano troppo la temperatura. Gli sbalzi di temperatura sono i peggiori nemici dei latticini freschi in quanto pregiudicano il mantenimento delle proprietà organolettiche.

Se invece acquistate i vostri latticini freschi online, potete stare più che tranquilli, perchè solitamente la maggior parte dei negozi virtuali sa come imballare correttamente i latticini, avvalendosi di un imballo particolare altamente isolante pensato proprio per lo scopo, con l’aggiunta di ghiaccio sintetico proprio per preservare al massimo il prodotto alla sua temperatura originale, e quindi freschissimo.

LEGGI ANCHE  In Puglia un quinto del fotovoltaico italiano

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

prodotti tipici pugliesi - La Terra di Puglia

scamorza pugliese - La Terra di Puglia

La conservazione dei formaggi in frigorifero

Il frigorifero dovrebbe essere regolato a 4 gradi. Si consideri che le parti più basse sono più fredde, mentre i ripiani più alti e la porta invece sono leggermente meno freddi. I formaggi freschi vanno posizionati dunque in basso, i semistagionati e stagionati possono stare più in alto. Non mettete mai i formaggi in freezer, invece. Lì, le temperature sono troppo basse e finirebbero col rovinare i vostri formaggi, sia dal punto di vista del sapore e delle consistenze, sia sotto il profilo delle proprietà organolettiche.

Infine, per prevenire contaminazioni con altri cibi (come la contaminazione a cascata, un fenomeno tipico che avviene nei frigoriferi), è bene riporre ogni formaggio nel suo involucro ed all’interno di un contenitore a chiusura ermetica. Esistono apposite scatole per i formaggi, in commercio, dotate di una base bucherellata che facilita la traspirazione dei prodotti. Se possibile conservate sempre l’involucro originale: la carta oleata è perfetta per la conservazione del formaggio; se non ce l’avete o il formaggio vi è stato venduto in plastica o altro involucro, evitate comunque di usare la pellicola, ma prediligete l’alluminio.

LEGGI ANCHE  Cosa fare oggi 14 agosto in Salento

La mozzarella sempre nel suo siero

Proseguiamo il nostro approfondimento a proposito della conservazione dei formaggi e latticini pugliesi e italiani parlando della mozzarella. Per preservare tutto il sapore e le proprietà organolettiche della mozzarella, conviene sapere che il suo siero non andrebbe buttato. Se la conservate nel suo siero, potrete gustarla anche per 3 o 4 giorni.

Come gustare al meglio i latticini freschi, semistagionati e stagionati

Inoltre, e questo vale tanto per la mozzarella quanto per gli altri formaggi stagionati o semistagionati, per gustare al meglio il prodotto è bene estrarlo dal frigo una mezz’ora prima di consumarlo. In questo modo darà il meglio di sè sotto il profilo del sapore e della consistenza.


author avatar
Ilaria Scremin