La Grotta della Poesia è una delle più belle – se non la più bella – piscina naturale del Salento. Ogni anno attrae diverse compagnie di visitatori e bagnanti per un tuffo nelle sue acque meravigliosamente miti e limpide. Un vero e proprio parco giochi naturale che madre natura ha voluto regalarci. 

Quest’anno la sua bellezza naturale ed incontaminata – tuttavia – ha attratto ben più di qualche compagnia di persone, anzi, azzardiamo pure a dichiarare che al suo cospetto, nel corso della settimana di ferragosto, sono giunte e si sono assiepate diverse centinaia di persone, tutte accomunate dal medesimo desiderio, ovvero quello di farvi un bel tuffo.

Un afflusso record dovuto naturalmente al passaparola ed ai vari articoli che recentemente abbiamo letto (e scritto) in rete per sottolineare la bellezza di questo luogo.

Acqua dolce o salata? Ecco come madre natura ha dato vita alla grotta della Poesia

Ma facciamo un passo indietro: che cos’è la grotta della poesia? Come si è formata? L’acqua al suo interno è dolce o salata? Ve lo diciamo nell’articolo dedicato alla storia ed alle origini di questa splendida piscina a cielo aperto.

Leggi l’articolo: grotta della Poesia, com’è e come arrivarci

Problemi e rischi inerenti l’afflusso record alla grotta della poesia

Un luogo naturale di cotanta bellezza va da sè implica problemi gestionali e pratici da risolvere. L’affluenza alla grotta, visti gli episodi di “assalti” di bagnanti di questi giorni, andrà in futuro gestita e regolamentata. Le soluzioni possibili sono varie. Vediamo nel dettaglio i vari punti insidiosi.

  1. – il senso civico. Recarsi a fare il bagno presso un luogo così bello, patrimonio del territorio e della natura – significa anche avere rispetto. Nel caso di un’affluenza massiccia alla Grotta della Poesia, maggiore è il rischio di episodi di maleducazione civica. Sarebbe un peccato rovinare le rocce della grotta con mozziconi di sigaretta, carte di merendine, snack, caramelle, panini, bottiglie di vetro, lattine e quant’altro. E’ necessario insistere sull’educazione civica e collocare opportuni bidoni dell’immondizia.
  2. – le toilette. idem come sopra. E’ necessario dotare la zona di toilettes onde evitare comportamenti spiacevoli e poco civili.
  3. strade e parcheggi. Per affrontare, in futuro, un’affluenza record, bisogna migliorare la strada che conduce alla grotta, oggi sterrata e poco agevole. E gestire i parcheggi in maniera ordinata e logica, per evitare fenomeni di parcheggio selvaggio
  4. – last but not least, come dicono gli inglesi. La grotta della Poesia, non molti ne sono a conoscenza, è un sito archeologico di grande rilevanza! Al suo interno vi sono preziosi graffiti risalenti alla notte dei tempi, quando la grotta era vuota ed abitata! Un’affluenza eccessiva potrebbe generare fenomeni di vandalismo e incrementare l’erosione dell’acqua su questi graffiti.

Insomma, il comune di Melendugno nelle prossime settimane avrà il suo bel da fare onde gestire questo problema e consentire a tutti di accedere alla grotta della Poesia con agio e senza stress, nel rispetto dell’ambiente e dei luoghi nei quali si trova.

Curiosità

Facendo una ricerca su Google anche il motore di ricerca segnala il luogo come affluenza record:

Se leggendo questo articolo ti è venuta la curiosità di andare anche tu a vedere la grotta della Poesia e magari a farci un bagno, ti aiutiamo noi a raggiungerla. La grotta della Poesia si trova in Salento, in località Roca, vicino a Melendugno. Clicca il link di seguito per trovare un’utile mappa oltre a un pò di storia della grotta.

Ecco come arrivare alla grotta della Poesia! 

Non ci resta che augurarti un buon bagno alla grotta della poesia, ammesso che la giornata non sia troppo affollata!