spumone leccese - La Terra Di Puglia

Se in occasione di un viaggio nel meridione italiano vi è stato offerto uno spumone, probabilmente vi sarete domandati di che cosa si tratta. Effettivamente, al di fuori di alcune regioni come la Campania o la Puglia, questo tipo di gelato è meno noto. Capiamo insieme, dunque, cos’è lo spumone, la storia dello spumone e le varianti, incluse naturalmente quelle pugliesi, che sono quelle che in questa sede ci interessano maggiormente. 

Cos’è lo spumone

Lo spumone è un gelato a forma di piccola cupola tondeggiante tipico dell’Italia meridionale. La sua origine non è pugliese, bensì napoletana, eppure si è diffuso a macchia d’olio in tutta la Puglia, a tal punto che oggi lo possiamo tranquillamente annoverare anche tra i prodotti tipici pugliesi. Cos’è lo spumone dunque? In pratica si tratta, come detto, di una cupola di gelato, a più strati, solitamente nocciola e cioccolato, con un cuore croccante o tenero, contenente nocciole, croccantino, frutta candita, mandorle, caramello o pezzettini di cioccolata fondente. Lo si gusta con il cucchiaino ed è solitamente protagonista delle domeniche o dei momenti di festa. Ma vediamo brevemente la storia dello spumone.

Storia dello spumone

Ora che abbiamo chiarito che cos’è lo spumone, vediamo un pò di addentrarci negli aspetti storici. La storia dello spumone affonda le sue radici nella Napoli del Diciannovesimo secolo. Furono i cuochi che lavoravano presso le dimore nobiliari della città ad avere l’idea di prepararlo: desideravano dar vita ad un dessert speciale, dal piglio elegante e celebrativo. Non un “semplice” gelato, insomma, ma qualcosa di sontuoso, ricco, originale ed elegante. Ed hanno avuto fortuna, visto che lo spumone ha varcato i confini regionali ed è giunto anche in Puglia.

Le varianti dello spumone

Come già detto rispondendo alla domanda “che cos’è lo spumone”, lo spumone è solitamente composto di due tipi di gelato, nocciola e cioccolato. Le versioni dello spumone comunque sono diverse: oggi lo si può trovare anche con gelato alla stracciatella, al pistacchio, al fiordilatte, al caffè. Ed al suo interno si può trovare anche del buon fico candito, un goccio di liquore marsala, uvetta.

Una variante famosa: lo spumone leccese

Nel leccese lo spumone è particolarmente diffuso e noto. E’ proprio nel Salento, infatti, che questo tradizionale dessert napoletano si è radicato sino a diventare parte integrante della sua tradizione gastronomica. A tal punto che nel Leccese ha anche cambiato nome, fino ad essere chiamato “pezzo duro”. Lo si gusta anche qui la domenica, ma anche in occasione delle feste patronali o delle grandi feste in famiglia, come anche i matrimoni. A Gallipoli, nel Salento, se ne prepara una versione davvero golosa, con crema plombières al suo interno ed un goccio di liquore San Marzano.

Ora che conosci cos’è lo spumone, la storia dello spumone e anche le sue varianti, incluso lo spumone leccese e lo spumone gallipolino, non puoi esimerti dal venire in Puglia ad assaggiarlo!