Condividi
  • 98
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  
    98
    Shares

E’ notizia di oggi che la tradizione figula di Cutrofiano, da sempre coltivata, tenuta viva e tramandata da alcune tra le più antiche famiglie del paese dedite alla lavorazione della ceramica, è stata finalmente oggetto del giusto riconoscimento da parte della Regione Puglia. Diamo dunque il benvenuto al neonato marchio Ceramica Tradizionale Artistica di Cutrofiano. Un traguardo importante nel lungo percorso di affermazione del ruolo di primo piano di una delle attività artistiche ma anche economiche maggiormente radicate nel territorio salentino. Ma andiamo con ordine.

Ceramica Tradizionale Artistica di Cutrofiano

Cutrofiano, “città della ceramica” da tempo immemore

Se avete mai avuto modo di leggere la storia di Cutrofiano saprete che la cittadina pugliese sorge su un terreno anticamente paludoso e ricco di argille, che già in epoca romana si lavoravano per dar vita a vasellame e “cutrubbi”, le anfore nelle quali si usava riporre l’olio di oliva. Non a caso, lo stesso toponimo Cutrofiano deriverebbe, etimologicamente parlando, da Cutrubbani, (abitanti di Cutrofiano dediti alla produzione dei cutrubbi), che a sua volta deriva dal greco kutra, che significa vasi. Un’attività, quella della lavorazione dell’argilla e della produzione di manufatti in ceramica, che si perde insomma nella notte dei tempi, e che ha continuato ad essere tratto distintivo del paese stesso fino ad oggi, senza soluzione di continuità. Un mestiere, quello del ceramista, che è frutto di impegno, passione, manualità ed estro artistico, e che ancora oggi ci consente di decorare le nostre case e di allestire le nostre tavole sotto il segno della bellezza e della tradizione, con oggetti belli, durevoli e senza tempo.

2017: il primo importante riconoscimento di una tradizione antica di grande pregio

Ciotola grande, disponibile nello shop

Siamo nel 2017 quando finalmente la città di Cutrofiano entra a far parte del circuito Associazione Italiana delle Città della Ceramica, alla quale appartengono 40 città italiane tra cui, ad oggi, le pugliesi Laterza, Grottaglie e Cutrofiano, appunto. Un grande traguardo per la cittadina del basso Salento, che ha visto finalmente riconosciuta l’indiscussa qualità della tradizione figula locale, con indubbie ripercussioni positive anche sul fronte turistico e, non ultimo, economico. Ma non finisce qui.

Nasce il Marchio Ceramica Tradizionale Artistica di Cutrofiano

cutrofiano, palazzo filomarini - Laterradipuglia.it

Come detto in apertura, dunque, nasce oggi il Marchio Ceramica Tradizionale Artistica di Cutrofiano, un riconoscimento la cui importanza assume la duplice valenza di punto d’arrivo e di partenza per la valorizzazione di un “saper fare” davvero ed antico unico nel suo genere. La Giunta Regionale ha finalmente approvato il Disciplinare di Produzione che servirà d’ora in avanti a fornire le linee guida alle quali attenersi per potersi fregiare del marchio Ceramica Tradizionale Artistica di Cutrofiano. Sarà ora il Consiglio Nazionale Ceramico, che si pone come obiettivo la tutela della ceramica artistica tradizionale italiana, a dover dare l’approvazione definitiva al disciplinare, che garantirà ai produttori, agli artisti figuli e ai ceramisti di Cutrofiano la possibilità di apporre il marchio sulle loro creazioni.

Piatto piano, disponibile nello shop

Il traguardo odierno restituisce dunque la dovuta importanza a quel tesoro di saperi e di abilità che è fondamentale tener vivo e tutelare per favorire il mantenimento di quell’identità creativa che ne è, di fatto, tratto distintivo, con l’obiettivo di sostenere i meno giovani ancora oggi saldamente legati all’attività figula, di stimolare il ricambio generazionale nel settore e, non ultimo, di incentivare l’interesse turistico nei confronti di un territorio che tanto ha da offrire al turista ed al visitatore proveniente da ogni dove.

Il Disciplinare non è ancora in vigore, in quanto l’art. 8, comma 5, della L. n.188/1990, come modificata dall’art. 44 della L.52/1996, dispone che il Disciplinare di Produzione sia approvato dal Consiglio Nazionale Ceramico, su proposta della Regione.

Un riconoscimento che non può che rallegrare anche La Terra Di Puglia, che da sempre ha creduto nel grande valore dei manufatti in ceramica di Cutrofiano e nell’impegno delle famiglie impegnate nella loro quotidiana realizzazione, e che ancor prima che la cittadina entrasse nel circuito delle Città della Ceramica si è impegnata ad esaltarne i pregi, le qualità, l’unicità. Da oggi, finalmente, il frutto di questi sacrifici sarà impresso in modo indelebile su una gamma di realizzazioni e di ceramiche di Cutrofiano, che vi ricordiamo sono disponibili  nel nostro shop online. diffondendo il nome di questo splendido centro del basso Salento nel mondo.

 


Condividi
  • 98
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  
    98
    Shares

Leave a Reply

Your email address will not be published.