dolci sospiri pugliesi o tette delle monache - La Terra di Puglia.it

I sospiri pugliesi sono dolci pugliesi tradizionali molto graditi da tutti, grandi e piccini. Sono noti anche con altri nomi, tra cui tette delle monache, dolci della sposa, sospiri dolci. Sono tipici delle città di Bisceglie e di Altamura, ma potete trovarli anche in Basilicata. In occasione di una gita a Matera, solo per fare un esempio, avrete modo di assaggiarli. Vediamo ora come fare i sospiri pugliesi in casa.

Sospiri pugliesi o sospiri di Bisceglie: dolci intrisi di dolcezza ma anche di leggenda

Narra la leggenda che i sospiri pugliesi furono preparati per la prima volta dalle suore di clausura di Bisceglie al fine di creare qualcosa di speciale per festeggiare le nozze tra il Conte di Conversano e la famosissima Lucrezia Borgia. La verità dei fatti è che queste nozze non si celebrarono mai perchè Lucrezia non si presentò alle nozze. Gli invitati sospirarono a lungo per la vana attesa e si consolarono con questi deliziosi dolcetti, che dunque furono chiamati “sospiri”.

Secondo un’altra leggenda, i dolci sospiri furono preparati per la prima volta da un innamorato che volle riprodurre il seno della sua amata. Oggigiorno i dolci sospiri sono preparati per le nozze, segno di sensualità e romanticismo. Vediamo dunque come si preparano i dolci sospiri in casa.

LEGGI ANCHE  Le 10 bandiere blu pugliesi per il 2013

Una curiosità sui dolci sospiri pugliesi o tette delle monache

Dal 2014 i dolci sospiri pugliesi sono diventati presidio Slow Food, segno della straordinaria qualità di questi deliziosi dolci tradizionali pugliesi.

La ricetta dei dolci sospiri

Ingredienti per preparare i dolci sospiri pugliesi

  • 10 uova
  • un etto di zucchero a velo
  • 200 grammi di farina
  • il succo di mezzo limone
  • crema chantilly che avrete già preparato
  • zucchero a velo per la decorazione

Preparazione della ricetta dei sospiri pugliesi fatti in casa

Montate a lungo i tuorli con 90 grammi di zucchero. Dopo circa un quarto d’ora cominciate ad incorporare la farina ben setacciata. In una seconda boule montate benissimo gli albumi con i 10 grammi di zucchero rimasti e il succo di limone. Incorporate le due creme piano piano, mescolando dal basso verso l’alto. Munitevi di una sac à poche e riempite dei pirottini con l’impasto. Cuocete in forno statico a 180 gradi per un quarto d’ora, tenendo il forno socchiuso con l’aiuto di un cucchiaino. In questo modo favorirete la fuoriuscita dell’umidità. Dopo la cottura lasciatele raffreddare per bene. Poi prendete la sac à poche con beccuccio sottile e farcitele da sotto con la crema chantilly. Completate con zucchero a velo.

Differenza tra bocche di dama e sospiri pugliesi

Molti siti internet confondono le bocche di dama con i sospiri pugliesi. Si tratta di due dolci diversi. I sospiri pugliesi o tette delle monache sono quelli che abbiamo appena descritto. Le bocche di dama invece sono dolci pugliesi, ma leggermente differenti. Le bocche di dama sono dolcetti a base di pan di spagna, tagliati orizzontalmente, farciti con crema pasticcera (non chantilly), glassati con glassa al limone e decorati con una ciliegia candita.

LEGGI ANCHE  TripAdvisor: la Puglia batte la Sardegna per 5-1