Basilica di Siponto Santa Maria Maggiore - La Terra di Puglia

La Puglia è una regione che quanto a storia, cultura, cattedrali, castelli, musei, non ha nulla da invidiare a nessuno. L’offerta turistica è vastissima ed include delle vere e proprie perle da visitare assolutamente. Eppure, ci sono ancora alcuni piccoli grandi tesori meno noti ma che conviene annotare. E visitare in occasione delle prossime vacanze in Puglia. A voi! 

1 – La piana di Siponto

Bellissime le due chiese dell’antica Siponto, un antico centro daunio oggi scomparso. Terremoti e bradisismi l’hanno raso al suolo e poichè la zona era fortemente paludosa, gli abitanti l’hanno infine abbandonata per spostarsi poco distante, a Manfredonia. In mezzo ai campi, tuttavia, rimangono le chiese romaniche di S. Leonardo e di S. Maria. Bellissimi i portali a baldacchino.

2 – Le stele daunie

Se vi trovate nella piana di Siponto, imperdibili le stele daunie. Si tratta di oltre 1500 opere conservate al museo archeologico del Gargano. Rappresentano uno straordinario racconto per immagini della vita quotidiana dal VII – VI sec a.C. Se decidete di trascorrere le prossime vacanze in Pugliahttps://it.wikipedia.org/wiki/Puglia in zona Foggia, non perdete davvero quest’esperienza.

3 – L’isola di San Nicola

Spostiamoci alle isole Tremiti e proponiamo la visita di San Nicola. Piccola ma suggestiva, presenta torri, mura di fortificazione, bastioni ed una bellissima chiesa: la chiesa medievale di S. Maria a Mare. Un luogo unico da visitare assolutamente durante le proprie vacanze in Puglia, tra mare, vento e storie leggendarie di pirati, turchi, ribelli e molto altro ancora.

LEGGI ANCHE  Miss Puglia troppo magra, ed è subito polemica

4 – Il dolmen di Bisceglie

La Puglia ci narra la storia dell’uomo sin dal Paleolitico. Una storia le cui tracce sono un po’ ovunque, dalle Murge sino al Salento. Non a caso, da Minervino ad Uggiano è stata istituita addirittura la via dei dolmen e dei menhir. Il dolmen più famoso è tuttavia forse quello della Chianca, presso Bisceglie.

5 – L’ambone della cattedrale di Bitonto

“Nicolaus sacerdos et magister, 1229”. E’ quanto si legge sull’ambone ospitato nella Cattedrale di Bitonto. Uno dei massimi capolavori della scultura medioevale italiana. Tra pietre vitree e mastici colorati, smalti policromi, intarsi, bassorilievi e colonnine, quest’opera d’arte simula un tessuto prezioso. Imperdibile.

6 – Il parco archeologico di Egnazia

La Puglia non porta molte tracce delle città greco-romane. Ma qualcosa di bello e meritevole di una visita rimane in quel di Egnazia che, come sapete, fu un polo importantissimo durante il dominio di Roma. Vi suggeriamo dunque di visitare il parco archeologico di Egnazia.

7 – La cittadina di Nardò, da vedere durante le vacanze in Puglia

Chi ha detto che il Barocco sia solo prerogativa della città di Lecce? Fate un salto a Nardò e vi troverete nel cuore del Barocco più autentico. Dalla chiesa di S Trifone, alla guglia dell’Immacolata che trionfa al centro di Piazza Salandra, sino al Palazzo della Pretura, il barocco qui è di casa. E che dire della chiesa di San Domenico, con i suoi gnomi e le sue cariatidi? Una passeggiata è d’obbligo.

LEGGI ANCHE  Prodotti tipici pugliesi, le novità sul mercato

8 – La cupola della chiese di Casaranello

Bellissimi ed imperdibili anche gli straordinari colori dei mosaici che ricoprono la cupola e la volta a botte della Chiesa del Casaranello. Si tratta di uno dei luoghi di culto paleocristiani più significativi della Puglia.

9 – La basilica di Santa Caterina di Alessandria

Avete già visitato la Cappella degli Scrovegni di Padova? E allora è la volta di visitare anche la Basilica di Santa Caterina di alessandria, a Galatina. Un altro pezzo di storia e d’arte che vi rimarrà nel cuore, eseguito con molta probabilità dai seguaci della scuola di Giotto.

10 – Il pavimento della Cattedrale di Otranto

Infine, ancora un mosaico (e che mosaico!) presso la Cattedrale di Otranto. E’ pavimentale ed illustra l’albero della vita e lo zodiaco. Bellissimo e suggestivo, così come la cripta sottostante la Cattedrale.

 

 


Leave a Reply

Your email address will not be published.