Baia del Mulino d’acqua Otranto, il Salento più selvaggio è qui

Baia del Mulino d'acqua Otranto - La Terra Di Puglia

Si chiama Baia del Mulino d’acqua Otranto ed è una spiaggia davvero incantevole a due passi da Otranto, procedendo verso nord in direzione Laghi Alimini. Ma di che tipo di spiaggia del Salento si tratta? E come mai è meno nota di altre, sebbene sia così straordinariamente paradisiaca? Conosciamola meglio.

Baia del Mulino d'acqua Otranto - La Terra di Puglia

Perchè la Baia del Mulino d’acqua d’Otranto si chiama così

La Baia del Mulino d’Acqua ad Otranto si chiama così perchè un tempo lì c’era davvero un mulino, che funzionava proprio grazie alla presenza dell’acqua. Un nome insomma che “ha un suo perchè”, anche se oggi il mulino non esiste più, ed è rimasto solamente questo suggestivo ed evocativo nome.

Com’è fatta la Baia del Mulino d’acqua Otranto

Com’è fatta la Baia del Mulino d’acqua Otranto? Si tratta di una spiaggia paradisiaca di sabbia fine, protetta alle spalle da una scogliera a strapiombo sul mare. La sua forma la rende un luogo poco ventoso, perchè le scogliere la proteggono efficacemente dai venti di scirocco. Si tratta di un’oasi naturale formata da 4 grotte, tre delle quale sono collegate tra loro da un tunnel che si può facilmente percorrere a nuoto. La quarta è una grotta chiamata Sfondata, in quanto priva di copertura: una piscina naturale davvero incantevole nella quale abbandonarsi ad un piacevole momento di relax. Chi è alla ricerca del Salento più incontaminato e selvaggio, troverà indubbiamente pane per i suoi denti.

Baia del Mulino d'acqua Otranto - La Terra di Puglia

Come raggiungere la Baia del Mulino d’acqua Otranto

La Baia del Mulino d’acqua Otranto si può raggiungere in due modi. Il primo è percorrere la passerella che giunge da terra, che però si trova all’interno dell’omonimo camping. Dovreste dunque essere ospiti del camping per accedere a questo luogo meraviglioso. In alternativa, potete raggiungere la baia via mare, se avete un’imbarcazione oppure se volete partecipare ad un tour guidato (in zona se ne organizzano diversi durante tutta l’estate).