Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  

cibi pugliesi per dimagrire - Laterradipuglia.it.jpeg

I prodotti tipici pugliesi non solo sono buoni e rinomati in tutto il mondo ma sono anche perfetti per dimagrire e tenere a bada la glicemia. L0 avreste mai detto? Certamente no. Si usa spesso dire che quando si va in vacanza in Puglia si torna con qualche chilo in più!

Le noci

Le noci pugliesi aiutano a dimagrire ed a controllare la glicemia, persino abbassandola. Questo non significa che vi dovete abbuffare. Qualche noce al giorno è l’ideale per stimolare il senso di sazietà (specie se le gustate prima di pranzo), abbassare la glicemia e ridurre il rischio di sviluppare un diabete di tipo 2.

Curiosità: in Puglia c’è un paese che si chiama Noci. Deve il suo nome al fatto che anticamente in zona c’era un vero e proprio bosco di alberi di noce! 

I carciofi

I carciofi sono ottimi per dimagrire in quanto hanno un eccellente potere drenante e depurativo. Favoriscono infatti l’eliminazione delle tossine e mandano via la pancetta. Ma non solo: i carciofi contengono anche cinanina, una sostanza naturale che riesce a tenere a bada il colesterolo cattivo e che al contempo stimola l’attività dell’apparato cardiocircolatorio.

Curiosità: l’Italia è il primo produttore al mondo di carciofi. Per quanto riguarda la produzione italiana,  il 35% proviene proprio dalla Puglia.

Il peperoncino

Anche il peperoncino pugliese è un ottimo alimento capace di aiutarci a dimagrire. Il peperoncino aiuta il corpo a disperdere la sua energia sotto forma di calore ed a bruciare i grassi. In pratica quando si ingerisce il peperoncino, si attivano una serie di recettori che sviluppano calore non solo sulla lingua, ma anche in quella parte di adipe chiamato grasso bruno. Dunque gli adipociti sono stimolati a rilasciare l’adipe accumulato sotto forma di energia.

Curiosità: il peperoncino in passato era inserito nell’ano dei cavalli o degli asini per farli correre più velocemente. Se donato alle giovani spose, invece, si consigliava loro di collocarlo sotto il cuscino del consorte (non nell’ano!), al fine di scongiurare eventuali tradimenti.


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  

Leave a Reply

Your email address will not be published.