La provincia di Foggia offre al turista e visitatore curioso che abbia voglia di scoprire luoghi nuovi pane per i suoi denti. Non solo mare, da queste parti, ma anche tanta cultura, storia, arte, paesaggi mozzafiato ed una gastronomia capace di accontentare anche i palati più esigenti. Abbiamo già avuto modo di approfondire in altre occasioni le caratteristiche e le peculiarità di Bovino e di Monte Sant’Angelo. Scopriamo oggi 3 nuove destinazioni incredibili dove andare a fare due passi nei dintorni di Foggia. A voi. 

Torre Alemanna (circa 70 km da Foggia)

foto di virusdesign.it

Siamo a poco meno di 20 km da Cerignola, patria delle famosissime olive Bella di Cerignola DOP (che trovate in vendita sul nostro shop cliccando qui). Torre Alemanna Borgo Libertà è un complesso fortificato che spicca in mezzo ad un paesaggio caratterizzato da larghe pianure punteggiate da imponenti pale eoliche.

Il borgo fu fondato dai cavalieri Teutonici (di origine germanica, ecco perché si chiama Torre Alemanna). Il complesso fu fondato dopo che Federico II di Svevia donò ai cavalieri le terre su cui sorge. Qui, nel XIII secolo, i cavalieri si dedicarono ad attività agricole (in particolare cerealicole) e all’allevamento di bestiame.

Non si tratta di un borgo vero e proprio, ma di quello che possiamo definire un complesso masseriale. Una masseria ampiamente strutturata, all’interno della quale sono conservati dei pregevoli affreschi risalenti appunto al Basso Medioevo.

LEGGI ANCHE  La Puglia punta sulle bellezze Unesco

Internamente alla struttura potete visitare anche un Museo delle Ceramiche, ma vi consigliamo di accertarvi in merito agli orari d’apertura.

Sant’Agata di Puglia (circa 50 km da Foggia)

foto di e-borghi.com

Sant’Agata di Puglia è un piccolo e suggestivo borgo situato in provincia di Foggia. Conta poco meno di duemila abitanti ed è una piccola perla che davvero vi consigliamo di visitare. Dal borgo potrete ammirare lo straordinario panorama sul Tavoliere delle Puglie e scattare delle foto decisamente suggestive.

Al centro del paese sorge il castello, che domina tanto il paese quanto il paesaggio circostante. Il borgo è sviluppato attorno al castello. Sant’Agata di Puglia dispone di due cinte murarie, una a protezione del castello e l’altra del borgo. Un vero e proprio tuffo nel Medioevo che non deluderà nemmeno il turista più esigente!

Per le incredibili vedute delle quali è possibile godere da questo straordinario borgo, Sant’Agata di Puglia è soprannominata la loggia delle Puglie. Armatevi dunque di macchina fotografica se decidete di fare un giro presso questo borgo medioevale!

Una curiosità: presso Sant’Agata di Puglia non sentirete parlare foggiano, bensì un dialetto molto simile all‘irpino.

Carpino (circa 50 km da Foggia)

La terza località in provincia di Foggia che vi consigliamo di visitare è Carpino. Siamo nel Parco Nazionale del Gargano, a due passi dal famoso Monte Sant’Angelo e dalla nota località di mare Ischitella. Non è dato di sapere se il paese si chiami così per la presenza di caprioli in zona, o per l’abbondanza di carpini, che nel passato coprivano generosamente questi territori.

LEGGI ANCHE  Daunia e Gargano, si uniscono

Il centro storico di Carpino è particolarmente intricato: vie, viuzze, vicoli regalano, passo dopo passo, lo sfondo perfetto per innumerevoli foto ricordo. Del castello Svevo che dominava il territorio oggi purtroppo rimane solamente una torre. Innumerevoli invece sono gli edifici religiosi, che vi consigliamo di visitare.

Carpino è anche Presidio Slow Food per quanto riguarda la produzione di fave. Se avete modo di fermarvi per pranzo o per cena, non potete esimervi dall’assaggiare un bel puré di fave, o una pignata di fave e cipolla cruda. O, ancora, una zuppa di Caprino, con fave, patate e zucca.