Alcune colonie di uccelli marini hanno preso possesso del litorale pugliese

mettendo a repentaglio il settore ittico così come il benessere ambientale

cormorani in Puglia è allarme - La Terra di Puglia

In Puglia è stato ed è tuttora un inverno decisamente anomalo, con temperature miti decisamente superiori alla media, che tutto sommato ci hanno fatto lasciare i capi più pesanti nell’armadio in attesa di data da destinarsi. E se per certi versi i pugliesi hanno gradito le temperature inaspettatamente piacevoli e per nulla rigide, non si può dire lo stesso dei pescatori. Il clima temperato ha invogliato alcuni uccelli migratori a “prender casa” in Puglia anzichè proseguire verso sud. Con conseguenze che non avremmo mai immaginato….

Insomma, ciò che sta accadendo in terra di Puglia è che l’aumento delle temperature ha convertito i cormorani da specie migratoria in specie stanziale. I cormorani hanno dunque gradito il clima mite pugliese e hanno deciso di fermarsi qui, almeno per un po’. Il problema è che ciascun cormorano, pensate, consuma la bellezza di 10 kg di pesce al mese! Il che significa che i pescatori pugliesi non sono del tutto contenti di dover dividere il lavoro con i pennuti in questione.

I cormorani hanno dato vita ad una vera e propria colonia sia sulla costa barese che su quella tarantina e poi giù sino in Salento. Insomma, sono un po’ ovunque, da Giovinazzo sino a Torre a Mare, più a nord presso il lago di Varano, e ancora nel foggiano presso la diga di Capaccio, a Lucera, sulla palude del lago Salso vicino a Manfredonia, e poi in Salento a Gallipoli.

LEGGI ANCHE  I riti per la protezione dei neonati in terra di Puglia

Come detto, ciascun cormorano mangia oltre 10 kg di pesce al mese, compromettendo l’attività ittica ma anche il benessere dell’intero ecosistema, dal momento che spesso l’attività predatoria lascia sul bagnasciuga o in acqua pesci feriti, che espongono l’ambiente alla diffusione di patologie infettive o di parassiti.

Insomma, se per il turista o il viandante vedere un nutrito nugolo di cormorani può essere oggetto di stupore e di curiosità e occasione per scattare qualche foto inedita, per il settore ittico e per l’ambiente non è tutto oro ciò che luccica. Non ci resta che attendere per verificare se l’eventuale arrivo del freddo nelle prossime settimane spingerà i cormorani a cambiare casa proseguendo il loro viaggio verso lidi ancora più caldi.


Leave a Reply

Your email address will not be published.