bari-gnam-festival-del-cibo-di-strada-edizione-2018

Gnam, il festival europeo del cibo di strada di Bari

Dopo aver riscosso un buon successo con l’edizione di maggio, “Gnam! Festival europeo del cibo di strada” sta facendo il bis in quel di Bari, nella medesima location (Via Einaudi, ingresso del parco 2 Giugno) da venerdì scorso, con un programma che offre a tutti i visitatori la possibilità di conoscere le migliori specialità di street food italiano ed estero, grazie anche al coinvolgimento di espositori con proposte di elevata qualità, che hanno peraltro ottenuto dei riconoscimenti, in un vero e proprio itinerario dei sapori capace di conquistare ogni palato.

Caratteristica essenziale di questo appuntamento barese del gusto, è la capacità di offrire ricette di ottima qualità che sono peraltro adatte a tutte le esigenze e le tasche, con specialità che spaziano dal cibo a km 0 fino a quello etnico, in un vero e proprio invito a scoprire le golosità street food di altre regioni difficili da trovare, oppure, anche le migliori (e più famose) pietanze internazionali, potendo assistere anche alla preparazione di queste ricette, interagendo con coloro i quali si preoccupano di produrre le rispettive specialità street food.

L’ultima giornata del festival dello street food Gnam a Bari

Tra gli stand dedicati al nostro paese, ci sono i seguenti:

  • Basilicata: è possibile scoprire la strazzata (focaccia tipica di Avigliano), un impasto dalla lunga lievitazione naturale, cotto in forno a legno e farcito – solitamente – con crudo e provolone (ma anche con altre farciture).
  • Toscana: lo stand ospita il Porcobrado (maiale di cinta senese) la cui cottura avviene lentamente tramite affumicatore, e la cui carne viene usata per preparare i panini. Pane casareccio di grando antico, spalla di maiale di Cinta Senese DOP e salsa artigianale sono gl’ingredienti di questa specialità street food insignita del best sandwich al The European Streed Food Awards a Berlino.
  • Abruzzo: non potevano mancare i mitici arrosticini, prodotti km 0 degli stessi allevatori di ovini.
  • Marche: sono ovviamente presenti le olive all’ascolana;
  • Molise: la regione partecipa con il suo caciocavallo impiccato, lasciato sciogliere su pane DOP.
  • Emilia-Romagna: poteva mancare il mitico gnocco fritto accompagnato dagli affettati tipici della regione?
  • Sicilia: a spiccare sono i pane ca’ meusa (stigghiole fatto con budella di agnello), cannoli, arancine e Sfincia di San Giuseppe (frittella).
  • Campania: la regione offre babà, pastiere, sfogliatelle, aragostine croccanti e mozzarelle di bufala.
  • Puglia: la nostra regione si mette in evidenza con le bombette della Valle d’Itria, cui si uniscono i cuoppi (con fritto di mare dell’Adriatico), i panzerotti e i pasticciotti.

Le proposte internazionali, invece, sono queste:

  • Stati Uniti: non poteva ovviamente mancare il mitico BBQ, con le migliori specialità di carne marinate con mix di spezie pregiate e cotti con il miglior legno, quello che dà il sapore inconfondibile a queste preparazioni.
  • Messico: il paese è presente con gustose bontà quali i tacos e burritos.
  • Spagna: la penisola iberica si mette in evidenza con i suoi classici, paella e tapas.
  • Argentina: il paese propone l’immancabile asado.
  • Venezuela: non mancano i churros e le arepas.
  • Ungheria: in questo caso, a farla da padrone sono i kurtoskalacs.
  • Giappone: dall’Asia arrivano i bun (stracotto di maiale e gamberi), gamberoni in tempura, pollo fritto karaage, dorayaki e polpettine di pollo.

Gnam! Festival europeo del cibo di strada 2018 (edizione autunnale) di Bari sarà aperto ai visitatori, durante questa sua ultima giornata, tra le 18 e le 24: concedetevi un giro tra le specialità street food di tutto il mondo.