dove raccogliere le castagne in Pugiia - La Terra di Puglia
Questa tipologia in foto si chiama castagna Matta

Dove raccogliere le castagne in Puglia? Spesso in Puglia l’autunno regala giornate miti ed incantevoli. E’ in questo periodo che si attende il fine settimana per regalarsi una gita fuori porta, per andare a raccogliere le castagne. E spesso si finisce per dirigersi verso la Calabria o la Basilicata. Il motivo? Nessuno sa che anche in Puglia è possibile raccogliere meravigliose castagne. E allora vediamo dove andare a raccogliere castagne in Puglia senza fare troppi chilometri in automobile.

Due mete pugliesi interessanti per gli amanti delle castagne

A proposito di “dove raccogliere le castagne in Puglia”, vi segnaliamo due zone d’interesse. Sono, per così dire, diametralmente opposte, in quanto una si trova sul Gargano e l’altra in Salento. Una bella opportunità per raccogliere castagne in Puglia ovunque voi vi troviate. Scegliete voi se è più vicino il Gargano o il Salento!

Dove raccogliere le castagne sul Gargano

Il Gargano è terra di grandi boschi meravigliosi, dove perdersi in qualunque periodo dell’anno per una bella passeggiata. Per quanto riguarda la raccolta delle castagne, vi consigliamo di recarvi nella zona tra Ischitella, Cagnano, Vico del Gargano e Carpino. Ci troviamo nel Parco Nazionale del Gargano, e qui ci sono tantissimi boschi di castagni. Ma non solo: ad una decina di chilometri appena da Monte Sant’Angelo, trovate un’area chiamata Piana delle Castagne. Si tratta di una zona che, come non faticherete a immaginare, è ricca di alberi di castagno.

LEGGI ANCHE  Piatti tipici pugliesi: la minestra di castagne secche

Dove raccogliere le castagne in Salento

Anche il Salento è zona di castagne. Questo forse vi stupirà dal momento che siete abituati a vedere il Salento come una zona di mare, punteggiata di ulivi e poco altro. Ebbene, dovete sapere che anticamente il Salento era interamente ricoperto di boschi (era post glaciale), e che alcune porzioni di superficie boschiva ancora oggi rimangono più vive e verdi che mai, a beneficio del visitatore che abbia voglia di farvi due passi.

Dovete sapere che un tempo dalle querce, dai faggi e anche dai castagni si ricavava il tannino usato nell’industria conciaria del Salento. Analogamente a quanto si faceva con il guano di piccione. Ma il castagno, a differenza di altri alberi, era molto amato, apprezzato e gradito, perchè dava anche deliziosi frutti, le castagne appunto.

LEGGI ANCHE  La quercia Vallonea e la leggenda dei cento cavalieri

Il castagno era ampiamente diffuso in Salento sino ad alcuni secoli fa, a tal punto che presso i Paduli, nel basso Salento, c’è ancora oggi una località chiamata La Castagna (ci troviamo vicino a Scorrano). Da quelle parti c’è anche una voragine, la Vora La Castagna, appunto. E poi, sempre nella stessa zona, troverete anche il Trappeto la Castagna, pensate un pò. Ai piedi della serra di Supersano, presso la Foresta Belvedere, dunque il cercatore di castagne troverà pane per i suoi denti. Proprio qui anticamente c’era una vera e propria foresta, di cui oggi una parte per fortuna si è conservata. Spostandoci verso Alessano e poi da lì verso il capo di Leuca, troviamo ancora altri castagni.

Non esitate dunque a programmare la vostra passeggiata in Puglia per andare a raccogliere castagne!


author avatar
Ilaria Scremin