luoghi-sacri-puglia

Un piacevole itinerario nei luoghi sacri di Puglia

Se la bella stagione vi ispira in modo particolare e vorreste iniziare ad approfittarne per andare alla scoperta di luoghi incantevoli, oggi vi suggeriamo un interessante itinerario di quelli ispirati alle tradizioni religiose in Puglia, attraverso edifici ecclesiastici che sono simbolo della fede e dell’importanza di quest’ultima nella quotidianità della gente pugliese. Si tratta di un percorso ideale per tutti gli amanti dell’arte, e prende il via nella località di Otranto, per poi concludersi nella città di Lecce, due importanti centri architettonici, storici e culturali della nostra regione.

Alla scoperta della Puglia religiosa

La prima tappa è quindi la Cattedrale di Otranto, famosa in modo particolare per le opere d’arte che conserva, partire dai pavimenti realizzati con il mosaico: la stessa è però altrettanto degna di nota per la presenza delle reliquie dei Martiri cittadini, vittime della loro volontà di non convertirsi all’Islam dopo la conquista ad opera dei Turchi. La prossima meta è invece Castel del Monte, un complesso religioso facente parte del complesso dell’Unesco dal 1996, e venne realizzato nel corso del 1200 per ordine di Federico. A Gravina di Puglia, invece, vi suggeriamo di andare a visitare il Complesso rupestre di San Michele, al cui interno è presente una cripta che testimonia un ulteriore assalto da parte dei Saraceni nel 999. La località di Alberobello ospita invece la speciale Chiesa di Sant’Antonio, che richiama alla mente i trulli: la sua edificazione risale nel corso degli anni Venti. Nel capoluogo regionale, invece, si trova la Basilica di San Nicola: non dista molto dalla Cattedrale, ed è un vero e proprio gioiello a testimonianza dell’incontro tra mondo occidentale ed orientale. Lecce è l’ultima del nostro viaggio, e questa città ospita la Basilica di Santa Croce, che è un esempio magnifico dell’architettura barocca: le prime testimonianze dell’edificazione della stessa, risalgono alla metà del Trecento.